Quando nonno Mario ebbe raggiunto la terza età vendette le quote della sua società idroelettrica per il motivo che essa venne assorbita dalla più grande Edison (credo), società milanese che è nota per essere la più antica società europea nel settore dell’energia.

La società di famiglia venne dunque ‘inglobata’ in una realtà più grande. Nonno Mario allora lasciò.

Papà diceva:

“Mio padre non voleva stare sotto a nessuno”.

La vendita della società si rivelò però alla fine un cattivo affare poiché il ricavato venne messo dal nonno in buoni del tesoro e dunque si ridusse in polvere quando, qualche anno dopo, l’Italia visse le tragedie che sappiamo e perse la guerra.

Raccontava nostro padre:

“Nonno Mario aveva perduto quasi tutto alla fine della sua vita”.

In ogni caso si voltava pagina. Cominciava una nuova vita. Per entrambi i coniugi si poneva adesso la decisione se venire a vivere a Roma o a Milano.

ψ

Perché Roma o Milano e non un’altra città?

Difficile a dirsi. I nonni erano vissuti prima a Torino. Poi, e per un tempo molto più lungo, avevano abitato in piccole città di provincia per motivi di lavoro del nonno (Carrara e La Spezia, almeno), per cui poteva essere in loro il desiderio di vivere in una realtà più grande e pulsante.

Erano infatti, come già detto (1, 2), persone piene di interessi, sia da giovani che in età più avanzata.

La decisione tra le due ‘metropoli’ cadde su Roma per un motivo principale ed altri, per così dire, complementari.

Partendo dai motivi complementari, Roma attraeva sicuramente per la bellezza e per il clima.

Poi c’erano gli interessi storico-archeologici del nonno, grande appassionato dell’antichità: quale luogo migliore della capitale del mondo classico?

“Il nonno ormai anziano ogni tanto usciva – diceva nostro padre – e a passi rapidissimi, presto presto, girava tutta Roma nelle sue parti storiche, guardando tutto, prendendo note, e poi, sempre rapidamente, se ne tornava a casa senza la benché minima fatica”

A Roma poi papà aveva fatto gli studi universitari appoggiandosi ai genitori di nonna Carolina (Crescentino e la volitiva Tullia) che abitavano a via XX Settembre (vedi il brano sull’arma del silenzio).

Anche per papà – en passant – si era posta la scelta se fare ingegneria edile a Roma o a Milano. Forse nonna Carolina lo spinse ad andare presso i suoi genitori a Roma.

E nostra madre, Lucia, interveniva nella seguente maniera:

“Non andare a Milano per l’università fu un grande sbaglio”.

Poi aggiungeva:

“A Milano vostro padre avrebbe avuto come compagni di corso i figli delle famiglie industriali lombarde”.

Un altro motivo che spinse i nonni a trasferirsi a Roma era forse anche la presenza, in questa città, di una folta colonia di piemontesi scesi nella capitale a ondate successive. Ma di questa vera e propria ‘colonia’ e di come era la Roma piemontese parleremo altrove.

ψ

E arriviamo allora a quello che credo sia il motivo principale della scelta della città eterna.

Ai Parioli viveva la sorella di Carolina, Maria, a cui nonna era legatissima.

Per questa, più che non per altre ragioni, Mario e Carolina si trasferirono a Roma e acquistarono un appartamento non molto distante da quello dei *****.

E’ la casa dove siamo vissuti noi tre figli di Franco e Lucia: Maria, Giovanni e Cecilia, detta qualche volta Cecilietta (e ora Chichicchi dalle nostre figlie).

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s