GM Buffa’s novel. Leyla Lilith in action (not for minors pls). Hold on tight (2)

Lilith, a demon of Mesopotamian origin (got into the Hebrew scriptures after the Babylonian captivity, at the time of Nebuchadnezzar II), is widely represented in art

Here’s the beginning of the novel (a bit of a cartoon at times, the unattainable model being The Count of Monte Cristo by Alexandre Dumas père). I initially thought about inserting small titles in Latin for the whole length of the novel, then I gave up. This first part had the title Sed libera nos a malo, very appropriate in my opinion. The previous post explains a lot. Let us start, though (this translation is a draft).

Enjoy.

ψ

THE KNIGHT MOVE (temp. title)

1rst volume of the Trilogy THREE SIDES OF THE COIN

ψ

Rome, Parco degli Acquedotti, 5th May 2018. 9:30 pm

It was already half past nine in the evening. The arches of the Aqua Claudia battered by time rose as admonition to human arrogance. The weather was cold and cloudy despite the season and two teenagers, eighteen and fifteen years old respectively, got warmed up by the flame of youthful passion. Two hours earlier they had set off by motorbike from the Porta Capena, south-east of the Circus Maximus, and holding onto each other they had ridden slowly along a beautiful stretch of the ancient Appia way, the Regina viarum, along which stood the secular trees of the Roman countryside and the few sarcophagi not transferred to museums whose inhabitants, their faces worn down by the millennia, seemed to wonder about the destiny of humankind. In the distance, like placid stars wandering in the midst of the coming storm, airplane lights were visible landing and taking off from Ciampino airport.

The couple had lingered behind a bush at the foot of one of the aqueduct arches erected by the emperor who had conquered Britain. The Parco degli Aquedotti floated in silence now and then interrupted by the rumble of distant thunders and the murmur of tree foliage. The communities of Quadraro, Appio and Tuscolano together with the villas of the rich and famous around the ancient Appian way were busy with the rituals of family, friendship and of Roman dinners festive and endless. The girl’s dog, a black long-haired Belgian shepherd, kept whining faintly.

– Please Giuliano, no, I’m not ready … 

– C’mon Simona, you are not a loser like Francesca and Sara, are you?

The young man, a well-known dude from Quadraro, was always seen astride a vintage Ducati with shining chrome. Brown-haired and blue-eyed he loved to stop at a bar very popular with young people located in Largo Spartaco. Devoted to small trafficking as well as to the ancient art of seducing women of all ages and condition he clutched the fifteen-year-old at her waist with his left hand while slipping her panties off with his right. Simona, with junoesque breast and slender body, was one of the prettiest girls in the school whose gates were next to the bar frequented by Giuliano. She had big beautiful black eyes with shiny hair of the same colour. Her parents had strongly opposed her liaison with Giuliano but her crush was so strong they had continued to see each other in secret.

– No Giuliano, don’t my love, please … “.

The two bodies joined and both souls, voracious one, desperate with love the other, lost any sense of time.

Adam protects a child from Lilith who in the Mesopotamian tradition is caught up in lust and is a child kidnapper. Filippino Lippi (1406 – 1469), Basilica of Santa Maria Novella, Florence

ψ

It all happened too fast. Even the dog didn’t perceive anything.

ψ

The dancer’s gorgeous body was shaken by light tremors. Pitch-black hair fell on her shoulders in a thick mass of thin braids. Her oval face was dominated by elongated, pale-blue eyes whose expression was so disquieting as to inspire fear on anyone who had to do with her, her subordinates most of all who with archaic term called her Domna. She was naked except for a very thin thong the colour of night. Her muscular and perfectly shaped legs ended with exquisite, flexible and equally trained feet. Her toes as well as her hands, enamelled in the same colour as the thong, had a life of their own, almost tentacles of a malignant octopus that danced on the eighteen year old young man’s naked body whose mouth had been meticulously sealed first using tampons of a synthetic material interposed between the gums and the lips, then an insulating tape decorated with mysterious hieroglyphics. They danced and crept, the dancer’s sharp toenails, tormenting the orifices laid open on the face of the young man whose eyes, wide and incredulous, expressed horror.

The woman turned to her left and in the same way danced on the equally naked body of the girl shaken with sobs and with face flooded with tears. The young couple was tied up spread-eagled on a huge bed of four meters by four. Lying down side by side with respect to their tormentor the young people’s heads were turned and immobilized at the feet of the woman and their legs, fixed one to the ceiling and the other to the bed, were at the height of her raven head.

The majestic oak bed was placed at the centre of a large hall which, like the bed, emanated profusion. Fabrics, sofas, weird paintings as well as objects from any age and land were found everywhere and were arranged with a remarkable aesthetic taste. On the ceiling four large Murano chandeliers completed the furnishings. Yet the baroque luxury of the room did not communicate a sense of life but rather a sullen gloom made even more so by the fact that the vast hall was extremely damp. 

Faust and Lilith, by Richard Westall (1831). Faust is about to dance with the young witch at the Wizards and Witches festival, in the Hartz mountains

Leyla Lilith was lying on the bed between the two teenagers and had enough space to allow her to pirouette and dance at will. A cold, lucid, cruel dance which brought her to torment for long minutes the private parts of the young man who emitted muffled screams. Then at some point the fifteen-year-old, with her mouth sealed in the same way, could not bear the torture of her lover and gave herself to muted screams and to rash, foolish struggles.

The dancer then turned and with joined feet smacked her with unheard-of force at her groin. Though through the gag the young girl began to howl and here Leyla with calculated lust began to kiss and nibble at her opulent breasts while in comfort, using her sharp nails, she was busy tearing into several areas of her body.

When Simona’s cries faded a little – the poor teenanger was about to faint – Leyla woke her up with a bottle of acre scent then hit her a second time at her groin and went back to taking care of Giuliano. In the end, tired of the girl’s persistent reactions, she smacked her with joined feet in the head. The teenager uttered a short gasp and collapsed.The woman spun around as agile as a cat and projecting herself into the air fell elegantly on the floor. Then at a wave of her hand there appeared …

ψ

Constantinopolis, maius AVC MCCLXIII
Constantinople, early May 510 A.D

… two men and a woman clad with the colour of night. 

– I have to leave, unfortunately. You know what you have to do – she said with a frightening smile.

– What about the dog?

– It must follow the couple’s fate.

Then she left the huge arcaded place and climbed a narrow staircase known only to her which led to her luxurious apartments. There six slaves (three males and three females) greeted her with fearful reverence, undressed her and with bowed heads took her to a vast bathroom at the centre of which a large pool in polychrome marble released scented vapor. There they washed her with sponges from the Eritrean Sea and aromas from Syria, massaged her and finally perfumed her sweetly. Her face made up and then dressed up again with a beautiful veil of blue silk on her head and an equally blue stole studded with amethysts and tied at the waist by a belt with black pearls, Leyla Lilith went out of the bathroom and walked via a vast corridor into a huge hall. She sat down on a high armchair and waited for a while. The man was eventually announced.

– You’re late, Zenas – she said, looking at him with contempt.

– The journey was long.

There was fear in his voice. He cleared his throat:

– I had to sail to Italy, my Domna, and from there up to Britannia, beyond the Ocean. Thence I had to come all the way back …It’s not things that are done overnight.

– You know what happens to those who do not serve me well …

Zenas shuddered. Among the scars that disfigured his face shone the merciless gaze of the manhunter.  A large dark cloak with a large hood pulled down over his shoulders enveloped his stocky body. 

– Now tell me what you know.

– They’re about to arrive. One has already landed in Britannia and his friends want to locate him and bring him  back to Italy perhaps. My sources are trustworthy.

– Good. We have to make sure that they get lost in Hades or in Christians’ Hell. As for the one already in Britannia, He who is above me has a very special plan. Get all the men and resources you need. Money is not a problem. Should you fail I’ll take care of you personally.

The man startled but controlled himself. He emitted hoarse sounds:

– It will be done, my Domna.

He then left the hall hastily.

– There’s no time to waste – he said to himself –. I know who to recruit.

Still shaken by Domna’s gaze when a servant approached him and said that the horses were ready Zenas hit him for no reason. His eyes were full of hatred and fear. He needed someone to blow off steam.

– Those bastards in Britannia will horribly pay for all I have to suffer –, he said to himself with rancour. He let the servant guide him to the stables.

ψ

Leyla Lilith Domna returned to her apartments where she got dressed for the cold of the night. The may season was unusually cold and cloudy. She went out into the streets of Constantinople, the capital of the Eastern Roman Empire, accompanied by three sturdy charioteers bearing torches. The streets were less crowded at that time of night although the metropolis never slept. The sky looming above was streaked with lighting. She walked the colonnaded porticoes of the Mese, the main street of the city, and watched with a contempt mixed with joy the beggars who plagued the air and the mothers who sold their children to the pimps. She then proceeded in the direction of the acropolis, where the theater was located. In that place the ten-year-old Theodora and her older sisters, Comito and Anastasia, were about to entertain the spectators.

[to be continued]

GM Buffa’s novel. “There are male and female cities, and Rome is female, is a woman” (1)

Some info about the novel via brainstorming. Documentation has been a big challenge. As I said to Marina Caserta, writer and blogger, “I too find documentation fundamental. My task was complicated by the fact that I set my novel in at least three different ages:

1) the age of the Flavian Dynasty, 69-96 AD
2) 510 AD in Britannia and a bit in Rome and Augusta Taurinorum (Turin).
3) Today’s Rome, in the rioni where I live. “

Although in the first volume of the trilogy (ie The three sides of the coin) I have developed only age 2) and 3). Let us see.

510 AD (and around). An extremely interesting period “when the ancient world – quoted from the novel – disintegrated into a unique catastrophic event, with the bubonic plague spread at the time of Justinian and Theodora [see Plague of Justinian, ndr], with the Late Antique Little Ice Age that created drought in the steppes and pushed the Huns on the Goths and the Goths on the Romans. To this, the arrival of Islam in the Mediterranean will soon be added, with these and other elements of destruction-innovation “.

Religion and philosophy are intertwined in this age of anxiety (interesting how ancient pagan philosophy, at its birth among the Greeks, was tinged with religion; then it went away from it by gradually reaching an atheistic rationalism – more or less (see Epicurus) – and eventually, in the above said age (well, much before that in truth), merging with religion again. Neopythagoreanism and Neoplatonism were interwoven (see later), with reincarnation and all that (reincarnation is at the core of the novel).

What we have here is that the theologian philosophers of the time mixed and polished the whole pagan paraphernalia (a fascinating mixture of Pythagoras, Plato, Aristotle, the Stoics etc.) in order to fight against Christianity which was about to triumph (in 510 AD the process was since long concluded although there were pockets of resistance).

I always thought that in order to recreate or describe the ancient world we should insert elements of the mentality of that time, among which religion plays a big part. For example, historians imho often explain (therefore do not explain) why a certain army did not attack the enemy (even if in a favorable position / moment) with a ‘scientific’ or modern approach that has nothing to do with the real motivations of those ancient people. Julius Caesar, the most shining example of Roman rationality, perhaps, (to whom btw the Roman Jews who were favoured by him still carry wreaths at the foot of his bronze statue, in Via dei Fori Imperiali), Julius Caesar, I was saying, did sometimes very incautious, even crazy, things. Why? Was he an idiot? Well, wouldn’t say that lol. He simply believed he was blessed (baciato, kissed, in Italian) by goddess Fortune, not though as we say today but literally. An example, among many.

Human souls, heroes, demons, angels, gods, God (the hierarchy of powers or essences) etc. Inserting religion in my plot obviously meant inserting also beings ‘beyond man’ (man’s soul included since a divine spark is present in everyone’s soul) related to Good but also to Evil, heinous, absolute Evil. I had to sit through (but more often with great pleasure) various passages by Plutarch, Porphyry, Iamblichus, Proclus, the Stoics (very little Aristotle, apart from Thomas Aquinas who reverts to him) and what remains of the Pythagoreans – Pythagoras, like Socrates, having unfortunately written nothing.

Interesting how Christian philosophy, from Augustine onwards, follows pagan Neoplatonists (while during the Middle Ages it will concentrate on Aristotle, mainly). I also, as I said, refer to Thomas Aquinas a lot (1225 AD – 1274: very influential, before Reformation, throughout Europe) and to the way he depicts evil demons (there are good daimon’s too of course) in his Summa Theologica (which you can here read in the original, a reasonably easy Latin ) and which I have preferably read in the modernized, beautiful version by Walter Farrel OP & Martin J. Healy, My Way Of Life.

[Giorgio: “You are a bookworm, always with your nose on dusty pages”. Giovanni: “Shut the hell 🤬 up”]

Today, 2010 and 2018. I will talk about this age later. Here I conclude with a passage, more or less at the middle of the novel, in which Lilith, a female demon (Adam’s first repudiated wife, see Gen. 1:27), walks about today’s Rome (yes, essences beyond man, like the gods, and God, are timeless, and I was delighted while writing about that stuff. Here is also a bit of Thomas Aquinas’ vision, a sumptuous one).

NOVEL’S EXCERPT – LILITH

[A quick draft]

“Faces of Rome parading in the night, faces of men, women and children. Ancient & modern faces, naive cynical tough innocuous (and foreboding?). When one thinks of Rome (Goethe wrote) “two thousand years old and beyond, reflecting that it is the same soil, the same hills and often even the same columns and walls – and as for the people we spot traces of the ancient character – one feels intertwined with the great decrees of destiny”.
Destiny, with the movable facial expressions of Roman women bearing witness to it. Since women, in Rome, are important, very important. Federico Fellini, the Rimini director, said that there are male and female cities, and Rome is female, is a woman.
And, speaking of women, ancient women (those that interest us), we think not only of mothers grandmothers or women with or without a partner but also of whores who Federico Fellini loved so much, those around the Archaeological Walk, to be clear, around the Baths of Caracalla (via Antoniniana and viale Guido Baccelli, for instance).

Image by Brenkee, Pixabay

Among these street women, or lupae, as our ancestors called them, one apparently looks tired, tonight, while she walks along the roads indicated above. The ruins of Caracalla are illuminated and the city’s humours ascend to the moonless sky . The woman’s face is the most ancient of them all since it is timeless and the torn black dress & the bag that dangles and almost rubs against the pavement does not improve her appearance. Pitch-black hair fall on her shoulders in a thick mass woven with thin braids. Her oval face is dominated by elongated eyes of a pale blue that, were it not for the darkness that hides them, would appear for what they are, dreadful.

The prostitute notices a motorcycle with two blondish young males and turns her head to the other side.

– Hey, did you see that one? – says the one driving –. Kinda pathetic but look at her body …

– She might stink though – says the second.

– Let’s have a look at her face.

The two are twenty-year-old, more or less. The one at the front says:

– Hey mora [ie brunette, ed], show us your face. How much? You gotta car?

She turned around a bit, her face still hidden. Then, with an intolerable, shattering voice, froze them:

– GET LOST! – as if they were worms (or insects) –. I don’t sell my body tonight. Wanna just enjoy the cool night breeze.

Like mad moths the two youngsters shoot away zigzagging and by a hair’s breadth miss the trunk of an Roman umbrella pine tree.

Ψ

Leyla Lilith Domna is full of contempt when the two humans, who she consider rubbish, disappear into the night. She then turns her gaze towards the Caelium hill, to Monti and to the Esquiline hill [the rioni where the action from today’s Rome takes place, ed], her look full of hatred, resentment. Finally as if by magic, a gloomy magic, she too disappears into the dark”.

[to be continued]

I know, I know

Giorgio is a horse, of course, of course

I know, I know, I have been away for long but in truth I’ve never written so much, much more than I have ever written on this blog. I have been busy with my novel, a trilogy called Three sides of the coin, of which the first volume (The knight move, temporary title) is now at last finished 🥴.

Soon I will here publish some excerpts of this work, which I have been writing for 12 years (Giorgio: “Aren’t you exaggerating?”🙄), ie from the day I started the other (and dearest to me) Man of Roma blog, now closed (many MoR’s posts are tho here, there including comments).

ψ

Not that The Notebook is not dear to me, though.

Romanzo di GM Buffa. Continua l’indagine del commissario Alvaro. Viene introdotta Alba, sua moglie (4)

Uno dei tanti luoghi della nostra infanzia passata con Alvaro e con Gianvi. Ci sentivamo un po’ come i tre moschettieri d’Arezzo (che esagerati) e di boiate ne abbiamo fatte tante. Anche Gianvi è presente nel romanzo (qui un post dedicato a lui) con il nome di Armando. Altro post su Gianvi, in inglese però

Abbiamo lasciato il commissario Alvaro Manneschi alle prese con la terribile scena dei cadaveri appesi alle tre croci sulla via Appia Antica, all’altezza del tumulo degli Orazi e dei Curiazi. Il romanzo continua introducendo vari personaggi tra cui il protagonista, Massimo Giordano, che in un bar del rione Monti vede le tre croci in TV … Torniamo alle indagini del commissario però. Enjoy.

ψ

Roma, Appia antica, stessa giornata
– Brutto tempo anche ad Arezzo, Alba? Come, le ghiacciate? Oh no, questo rovinerà gli orti e i fiori sugli alberi – disse dispiaciuto il commissario Alvaro Manneschi alla moglie.
– Ascolta, cara – aggiunse –, non m’aspettare stasera.

Il cielo sull’Appia antica era sempre cupo. Le nuvole s’addensavano sul luogo del delitto e sui Colli Albani.

– Ma come, t’avevo preparato i bringoli tirati a mano col sugo di cinghiale!
Il tono della donna era deluso. Poi capì e aggiunse preoccupata:

– Il caso dei cadaveri sull’Appia antica?
– Sì, ma stai tranquilla, è tutto a posto. Ti chiamo appena posso, ho una telefonata di servizio. E i bringoli mettili in frigo. Li mangiamo domani sera.
Premette il tasto del cellulare che lo collegava all’altra chiamata. Era Franco Cardellini, della polizia scientifica.

Tumulo degli Orazi e Curiazi sull’Appia antica (dal blog Bizanzio, credits). Il cielo qui però è più o meno sereno

– Ciao Franco, hai qualche elemento?
Cardellini si schiarì la gola, la voce rasposa più del solito.
– Un’analisi completa l’avremo tra tre giorni.
– Tra tre giorni? Ma siamo sotto pressione, i giornalisti italiani e stranieri sono piombati in massa e il vice questore m’ha telefonato due volte.
– Ascolta, Alvaro, abbiamo quasi trenta casi arretrati da analizzare. Dì al vice questore che ci dia i mezzi dei carabinieri dei RIS e allora lavoreremo più in fretta. D’accordo, tra due giorni, non tre. Nel frattempo ho qualcosa, ma va verificata.

Cardellini fece una pausa come per riordinare le idee.
– La morte è avvenuta poco prima che voi arrivaste. O forse durante il vostro arrivo.
– Sei sicuro? Quindi alle 5:45 del mattino, minuto più minuto meno. Fammi pensare. Il giardiniere avrà trovato i corpi in stato d’incoscienza e li avrà considerati già morti. Poi siamo arrivati noi.
– Esattamente. Il sangue delle vittime gocciolava ancora sulle croci quando l’avete trovati. Dunque, visto che a morte avvenuta il cuore non pompa più e il flusso sanguigno presto s’arresta, ciò prova che sono morti a quell’ora o pochi minuti prima. Inoltre, sia i due giovani che il cane – continuò Cardellini affannato – sono morti dopo terribili sofferenze perché torturati a lungo in modo crudele. Il che potrà magari aiutarci a scoprire l’ora in cui sono stati rapiti.
– I genitori c’hanno detto che sono usciti di casa il pomeriggio, Franco. Stiamo cercando testimoni che li abbiano visti al Quadraro o nel parco verso il tardo pomeriggio o di sera.
– Un’altra cosa, Alvaro, anche abbastanza anomala.

Il commissario attese in silenzio. Aveva in bocca il suo Romeo y Julieta che non violava alcuna regola perché non lo fumava ma lo teneva spento in bocca. Ne aveva solo due scatole e li alternava da anni, per non rovinarli. Durante la vacanza a Cuba, che lui e Alba s’erano concessi non appena vinto il concorso per Commissario, Pedro, il padrone di casa che li aveva in simpatia, glieli aveva regalati con quattro semplici, serafiche parole: el alma de Cuba.
Poi aveva aggiunto: Romeo y Julieta es amor, amor, Señor Alvaro.

Campanile del Duomo di Arezzo. Pixabay

– Il legno utilizzato per le croci – proseguì Cardellini, la voce ormai cavernosa – è lo Jichimu, un legno cinese e asiatico dalle venature simili a quelle delle ali degli uccelli. Lo importiamo come assi stagionate già tagliate per mobili e parquet. Qui però abbiamo tronchi tagliati di fresco con un rinforzo esterno in metallo in quanto il legno fresco non è robusto e può spaccarsi. Per cui …
– Per cui è il momento di fare una bella telefonata. Grazie, Franco, veramente. E piantala con le sigarette, il cimitero d’Arezzo non è un granché con quei muraglioni di mattoni rossi.


– Santagata – disse il Manneschi parlando sull’altro cellulare che usava solo per la squadra speciale –, lasci ad altri l’indagine sui testimoni e mi setacci coi suoi tutte le falegnamerie che trattano e tagliano il legno cinese Jichimu non stagionato. Sì, Jichimu. Veda su Internet. Controlli un raggio di 50 km e, se necessario, di 100, 200, 300 km dal luogo dei cadaveri sull’Appia antica.
Si ricollegò a Cardellini.

– Un’ultima cosa Alvaro. I cadaveri avevano tracce di vino sul corpo, tracce che stiamo analizzando.


ψ

Concluse entrambe le chiamate il commissario Manneschi prese a riflettere mentre dal portafoglio estraeva una vecchia foto che lo ritraeva coi vecchi compagni d’Arezzo. Aveva dodici anni e Franco Cardellini, che per scherzo si divertiva a portare il basco, ne aveva undici. Poi s’allontanò d’alcuni passi e si mise a guardare il paesaggio, immerso nei suoi pensieri.

La zona dell’Appia antica e nuova era ancora oppressa dalle nuvole e dalla pioggia.


Puntate:

0. Post di introduzione al romanzo ‘Le tre facce della medaglia’

1. Romanzo. Città maschili e femminili

2. Romanzo. Il demone Lilith in azione. non adatto ai minori

3. Entra in scena il commissario Alvaro Manneschi

4. Continua l’indagine del commissario. Viene introdotta Alba, sua moglie



Romanzo di Giovanni Mario Buffa. Entra in scena il commissario Alvaro Manneschi (3)

Immagine Shutterstock

Dopo l’efferato delitto dei crocefissi sulla via Appia antica, nel romanzo Le tre facce della Medaglia che è anche un poliziesco introduco il commissario Alvaro Manneschi (beh, ogni romanzo poliziesco che si rispetti prevede degli investigatori, dei commissari, ispettori ecc.). Il personaggio di Alvaro s’ispira a un mio amico aretino d’infanzia, Alvaro Mugnai, una persona incredibile (mia sorella più piccola e anche una mia cugina avevano preso la cotta per lui, e non solo perché era un fustaccione).

Nel libro c’è anche la moglie del commissario, che nel romanzo si chiama Sabrina ma se Alba (la moglie dell’Alvaro vero) me lo permette la chiamerò Alba [aggiornamento, Alba mi ha dato il permesso! 💓💖💗 Grazie Alba e Alvaro!!]

ψ

Ma ascoltiamo adesso Alvaro Manneschi in azione. Enjoy.

Montalbano non ha niente a che fare col mio commissario ma mi è piaciuto mettere qui la foto di questo personaggio (nonché attore) eccezionale. Credits

ψ

Roma, Appia antica, 6 maggio 2018. 6:30
Dopo una notte di fulmini e tempesta un’alba rosata sorgeva placida dietro ai colli da cui nacque la stirpe di Roma, Roma la grande, la sacra, la superba.
Allo stesso modo a 20 km circa dalla capitale luci morbide cominciavano a diffondersi sul Monte Cavo e per le strade le chiese e le fontane dei comuni di Castel Gandolfo, di Rocca di Papa e di Marino, i luoghi d’Alba Longa da cui vennero i gemelli Romolo e Remo. Un calore tiepido avvolgeva umani animali e piante e pareva dar pace alle sofferenze immancabili in ogni esistenza. Una pace illusoria, in verità, poiché mista all’orrore.

I tre corpi martoriati e crocefissi si stagliavano contro un cielo repentinamente striato di rosso. Affissi con chiodi bruni su tronchi freschi appena tagliati, squadrati e rigati di sangue i tre miseri cadaveri erano stati posti lungo l’Appia Antica non lontano dai tumuli degli Orazi e Curiazi, la schiena rivolta a Occidente e i volti a Oriente. Le croci erano sopraelevate su basamenti quadrangolari di materiale sintetico che, ad imitazione perfetta del marmo a sostegno delle colonne d’un tempio, erano d’una levatura tale che, unita all’altezza delle croci, rendevano l’orrore visibile fin dalla via Appia nuova.


– Maria santissima! – esclamò pallido l’agente scelto Carmelo Caruso della stazione di polizia di via Appia Nuova. Poi con una smorfia aggiunse:
– In vent’anni di servizio non ho mai visto nulla del genere.

ψ


Le luci di quattro volanti e il gracchiare delle radio della polizia facevano da contrappunto prosaico alla scena spaventosa.
– Caruso, vero? – disse il Commissario Alvaro Manneschi.
– Controlli bene le recinzioni e che nessuno s’avvicini.
Nonostante l’ora mattutina molti curiosi stavano già avvicinandosi alle croci che si stagliavano troppo nettamente per non esser notate dai pendolari provenienti dal sud del Lazio e dalla Campania e diretti sull’Appia Nuova, in direzione della capitale. Alcune macchine s’erano già fermate sul ciglio della strada e gli automobilisti, scesi dalle loro vetture, stavano percorrendo a piedi le centinaia di metri che li separavano dalla scena del crimine. Altri giunti più rapidamente con le moto guardavano inorriditi i tre cadaveri appesi che davano misera mostra di sé.


Avvertito dal vice questore che la cosa era di competenza del Manneschi il commissario Carlo D’Agostino aveva percorso nei fumi dell’irritazione il tratto che separava il commissariato dell’Appio dal luogo del crimine. Ma appena giunto a destinazione la sua rabbia era svanita e adesso a bocca aperta osservava l’atroce spettacolo.

Descrizione di Alvaro

Alvaro Manneschi era alto robusto con occhi grigi riflessivi e intelligenti e il mento squadrato. Aveva appena finito di interrogare Adi Putra Wijaya, il giovane indonesiano che per primo aveva trovato i corpi dei giovani e del cane. Adi Putra Wijaya lavorava come giardiniere presso la villa del prof. Alessandro Valeri, noto chirurgo estetico del Policlinico Gemelli di Roma.
– La mattina molto presto – aveva detto al commissario con espressione spaventata – porto sempre a spasso i due Setter Laverack del professore. A poca distanza dal solito viottolo, nel parco dell’Appia antica, me li sono trovati davanti, quei due poveri ragazzi, con il grosso cane nero crocefisso nel mezzo.

Il commissario congedò il giardiniere dopo avergli comunicato che avrebbero avuto ancora bisogno di lui. Poi prese il cellulare e scuro in volto chiamò Franco Cardellini, della polizia scientifica.
– Franco, è una cosa pazzesca. Vieni qui prima che si scateni l’inferno.

ψ

Più avanti nel romanzo descrivo Alvaro così:

“Il commissario Alvaro Manneschi parcheggiò la sua Fiat Bravo grigia davanti al Commissariato Monti, in vicolo del Guercio, e uscì di passo lesto per sgranchirsi le gambe. Era un omone grande, con atteggiamenti e dettagli del vestire assolutamente privi d’ogni ricercatezza. Occhi grigi e mento squadrato, i bei capelli biondo-castani e lisci mostravano, assieme ai baffi, una lieve sfumatura rossiccia. Era mattina presto. L’aria era …”

(continua)

——-

Puntate fino ad adesso:

0. Post di introduzione al romanzo ‘Le tre facce della medaglia’

1. Romanzo. Città maschili e femminili

2. Romanzo. Il demone Lilith in azione. non adatto ai minori

3. Entra in scena il commissario Alvaro Manneschi

4. Continua l’indagine del commissario. Viene introdotta Alba, sua moglie



Sex and the city (de Roma). I

ENGLISH ORIGINAL
Traduzione da un originale in inglese del 2007. Un po’ sturm und drang quando lancia in resta lottavo cercando di dimostrare la superiorità dei mores romani … vabbè, caliamo un velo. Pls enjoy.

ψ

Gli antichi Greci e Romani nutrivano un atteggiamento del tutto diverso nei confronti del sesso. Basta guardare queste statue – stupende nel loro erotismo – per cogliere in modo intuitivo una sensualità sincera che è agli antipodi dei costumi occidentali di oggi.

La bellezza e la naturale perfezione di questi corpi ci comunicano l’idea che il sesso non fosse percepito come osceno o licenzioso, bensì come una delle gioie della vita – un’idea molto semplice, direbbe l’intelligente studente greco conosciuto di recente, così come molto semplice, essenziale (e bellissimo) può essere un tempio greco. Il suo tormentone è meglio nell’originale:

It is so simple:
as simple (and beautiful)
as a Greek temple
.

Di qui un godimento del sesso estremanente naturale, anche se con modalità non concepibili a noi contemporanei, soprattutto se consideriamo che tali statue erano in qualche modo legate a riti e alla religione.

Qui sopra possiamo ammirare la Venus Kallipygos, o Venere dalle belle natiche. Sotto, la statua di un satiro (che un’amica ha scelto tra un set di mie proposte assicurandomi, non priva di entusiasmo: “Dai, è un corpo veramente erotico!” Ho dovuto inchinarmi di fronte al suo superiore discernimento).

Venere era la Dea dell’Amore (in ogni senso) mentre un satiro, secondo la Wikipedia inglese (un buon punto di partenza, la wikipedia, per una ricerca ma niente di più) “è una creatura dionisiaca amante del vino, delle donne e dei ragazzi e disponibile a qualsiasi tipo di esperienza sensuale”.

Esistevano anche i satiri fanciulli (il che ci sembra veramente terribile) i quali prendevano parte ai riti religiosi di Bacco-Dioniso, che prevedevano spesso anche pratiche orgiastiche.

ψ

A questo punto sono sicuro che qualsiasi lettore non potrà che convenire su un punto: le abitudini sessuali greco-romane erano veramente diverse. Non può esservi ombra di dubbio. Esse erano completamente diverse.

Se potessimo dimenticare di trovarci di fronte a statue classiche e le vedessimo solo con i sensi (senza ragionarci, voglio dire, e fuori dal loro contesto) ci apparirebbero sicuramente pornografiche.

Secondo la Wikipedia inglese “il concetto di pornografia così come viene vissuto oggi non esisteva fino all’avvento dell’epoca vittoriana.

Quando vaste opere di scavo vennero compiute a Pompei nel decennio 1860 molte opere dell’arte erotica romana vennero alla luce il che scioccò gli inglesi vittoriani che si consideravano gli eredi spirituali dell’Impero Romano (cfr. questo nostro post, capitoletto I Vittoriani, gli Italiani e gli Stati Uniti). Non sapevano più come fare con opere che mostravano in modo così esplicito e naturale la sessualità e dunque si adoperarono per nasconderle. Pertanto gli oggetti che potevano essere spostati furono dunque chiusi a chiave nell’area segreta del Museo Nazionale di Napoli”.

Sessualità romana scioccante

Pan che copula con una capra. Wikimedia commons

Non sono d’accordo con la Wikipedia inglese sul come e sul quando sia nato il moderno concetto di pornografia poiché la ricostruzione mi sembra troppo incentrata su di una visione unicamente anglosassone della storia [articolo di allora, non so oggi, ndr].
Posso sbagliarmi, posso aver ragione, cosa conta, quel che conta è che ci troviamo qui di fronte a una situazione di grande comicità. Mi sembra di vederli questi puritani vittoriani presunti eredi della romanitas (per certi aspetti lo erano, almeno a mio parere) i quali un bel giorno pieni d’imbarazzo e orrore si resero conto di quanto fossero pervertiti i Romani (almeno a loro parere) mentre assieme ai napoletani disseppellivano statue e dipinti erotici.

Mi figuro i loro volti pallidi e scossi. Soprattutto mi diverto un sacco a vederli (popolo che amo, sia chiaro, e con cui peraltro mi sono imparentato) mentre pieni di vergogna aiutano in fretta i napoletani a nascondere l’orribile verità.
I napoletani forse anche loro ridevano alle spalle degli inglesi, assai meno turbati, ne sono sicuro, di fronte a tali “esplicite manifestazioni di sessualità” (prova a indovinare il perché, caro lettore italiano) [è forse una delle permanenze o tratti del mondo antico che a mio parere sopravvivono in noi italiani e latini, la disinvoltura in tali questioni ecc., ndr).

Gara a chi ha il sedere più bello

Ma torniamo agli antichi. Questa Afrodite dalle belle natiche (l’immagine qui sopra, statua pare ritrovata tra le rovine della Domus Aurea a Roma, ora al Museo Archeologico Nazionale di Napoli ) si toglie il peplo e si guarda le spalle per valutarsi i fianchi perfetti e il sedere. Il motivo è molto semplice (ma erotico, lo confessiamo).

La cosa ebbe infatti origine da una gara tra due bellissime sorelle per cui la statua, certamente dedicata a Venere-Afrodite, potrebbe in effetti realisticamente rappresentare sia la vincitrice che le sue chiappe. Voglio dire – ed è mero interesse storico, intendiamoci – che esiste qualche possibilità di contemplare qui un deretano greco vero (e non idealizzato, come era il costume dell’arte ellenica).

Il modo della fanciulla di apprezzarsi il sedere era certamente più evidente a quell’epoca poiché gran parte delle statue classiche erano dipinte a colorvivaci, per cui la direzione dello sguardo era probabilmente più palese (le pupille erano dipinte e così via).

Il culto di Venere-Afrodite dalle belle natiche nacque forse nella greca Siracusa (Sicilia) poiché è lì che le belle sorelle nacquero e vissero.

E’ inutile dire, ancora, come sarebbe oggi inconcepibile creare un culto e un santuario solo per un paio di bei glutei femminili (leggete nella Wikipedia inglese la storia peculiare delle due sorelle).

Venere Esquilina, in tutta la sua voluttuosità. Statua trovata nel 1874 all’Esquilino (Piazza Dante, Roma) dal parco degli Horti Lamiani. Musei Capitolini. Cliccare per l’attribuzione

Venere era la dea della bellezza, della fertilità e dell’amore (sia spirituale che carnale).

La Venere romana era nata non a caso attorno a Lavinio poiché laggiù il grande antenato di Roma Enea (per inciso figlio di Venere) forse sbarcò e visse. Per cui, tecnicamente, i Romani erano figli di Venere (oltre che di Marte, Dio della Guerra): folle miscuglio, non vi pare?

A questo pensiamo a volte mentre passeggiamo tra il Colosseo, alla destra, e il Tempio di Venere e Roma, alla sinistra, in direzione della metro “Colosseo”; cioè tra i  simboli conturbanti della Vita e della Morte. Quanto erano complessi i Romani.

L’Afrodite greca era invece nata a Cipro (casualmente l’isola dello studente greco appena conosciuto anche se non crediamo ai segni come fa invece lo scrittore brasiliano Coelho).

Le giovani coppie si recavano vicino ai templi di Venere per pomiciare e fare all’amore. La gioventù era probabilmente riguardosa e discreta ma ciò che è interessante è che il loro amore era come esaltatosantificato dalla vicinanza della Dea, qualcosa ancora una volta inimmaginabile nella società occidentale di oggi, che pure è molto libera. Pensate allo scenario di frotte di teenager che si assembrano vicino a una chiesa cattolica o anglicana in primavera o in qualsiasi stagione dell’anno. Pomiciano e fanno sesso alla grande accanto alle mura della chiesa, con il parroco che li benedice.

Ancora la Venere Esquilina. Alcuni studiosi pensano che la modella usata per scolpire questa Venere sia stata Cleopatra in persona. Immagine da Flickr

Anche solo un’idea del genere può offendere i veri cristiani. Naturalmente chiedo loro perdono, sul serio [en passant sto tornando a una qualche religione cristiana dopo la scrittura del mio primo romanzo, ndr], però per favore anche voi religiosi fate un po’ ‘no sforzo. Non siamo qui per offendere o per fare di questo blog un sito porno (che ci renderebbe più ricchi ma non necessariamente più felici). Siamo qui per parlare delle radici occidentali le quali, nella sfera sessuale, si dà il caso fossero diverse dalle nostre, ci piaccia o meno.

E’ sbagliato? E’ giusto? Difficile a dirsi. Noi preferiamo la visione antica dell’amore ma questa è solo la nostra opinione. Il sesso è bellezza, amore e sesso sono indistinguibili [è banale dirlo oggi, ndr], sono una gioia della vita non necessariamente legata alla riproduzione, come troppi papi (e preti) hanno cercato di inculcarci [papa Francesco forse vorrebbe fare sforzi in questo senso ma non può, succederebbe la rivoluzione, si spaccherebbe la Chiesa che non è solo europea ma mondiale: nel Quebec, per esempio, il Concilio Vaticano II, un’apertura notevole del cattolicesimo, ha totalmente distaccato la popolazione, abb. conservatrice, dalle chiese che sono rimaste deserte, ndr].

Rivoluzione soffocante?

Ok, si potrebbe dire. Se queste sono le nostre radici occidentali dei nostri comportamenti sessuali, che cavolo allora è successo? Perché c’è stata ‘sta rivoluzione soffocante che ha reso una delle gioie più belle della vita qualcosa di cui vergognarsi?

Perché solo un paio di generazioni fa i ragazzini e le ragazzine erano divisi a scuola e dovunque? E’ colpa dei preti? Degli intellettuali cattolici? E’ colpa degli inglesi vittoriani?

Forse in India sì, la terra del primo grande libro sull’amore e sui rapporti sessuali (tutti pensano solo alle posizioni, invece è terribilmente bello, terribilmente poetico, il Kamasutra, oltre che altamente scientifico). Voglio dire, in India forse i vittoriani inglesi avranno avuto pure qualche influenza (dannosa?) in questo settore, al punto che oggi le donne indiane nemmeno si mettono il costume da bagno al mare [nel 2007, oggi chissà]. Non posso però parlare dell’India non essendo indiano.

Per l’Occidente invece sono certo che la risposta – su quel che diavolo sia successo – vada ricercata a partire dall’epoca in cui l’Impero Romano divenne Impero Romano cristiano, cioè da Costantino [e Teodosio] in poi, quindi a partire dal IV secolo dopo Cristo. Anche se per onestà va detto che per reazione agli eccessi precedenti, in quel periodo di transizione sia pagani che cristiani erano già un pochino più … morigerati (anche se dalla morigeratezza alla totale repressione … qualche monaco ma anche teologi come Origene – Ὠριγένης di Alessandria – arrivarono a ‘castrarsi’ per non cadere in tentazione … andiamo!)

Un’ultima cosa. Vi sono ancora residui, oggi, di una simile e più libera visione sessuale? Noi lo crediamo ma non riveleremo il seguito di questa serie dedicata al sesso di Roma.

Gruppo scultoreo romano di Castore e Polluce (o secondo alcuni studiosi di Oreste e del suo amico Pilade). Museo del Prado. Foto Flickr di János Korom

Nell’attesa 1) guardiamoci questa bella immagine dei Dioscuri Castore e Polluce, copia romana dell’originale del grande Prassitele (anch’essa approvata, non senza un certo entusiasmo, dalla nostra esperta romana. 2) Leggiamo infine la splendida preghiera a Venere di Lucrezio.

Lucrezio è un grandissimo poeta romano. Grazie ai suoi versi, se sarete in grado di apprezzarli, vivrete forse l’esperienza unica della macchina del tempo. Potrete cioè cogliere cosa un antico romano sentisse a proposito di Venere. E’ anche questa la forza dei classici. Essere una possente macchina del tempo, per penetrare misteri arcani eppure vicini, più vicini di quel che pensiamo o miei carissimi lettori italiani [testo, la traduz. sotto, tratto dal bellissimo sito Voci del mondo antico]:

O genitrice degli Eneadi, godimento degli uomini e degli dei,
divina Venere, che sotto i segni mutevoli del cielo
il mare che sostiene le navi e le terre che producono i raccolti
vivifichi, perché grazie a te ogni genere di viventi
viene concepito e giunge a visitare, una volta nato, i lumi del sole:
te, dea, te fuggono i venti, te le nubi del cielo
e il tuo arrivo, sotto di te la terra operosa soavi
fiori distende, a te sorridono le distese del mare
e, rasserenato, il cielo risplende di luce diffusa.
Infatti non appena si è manifestato l’aspetto primaverile del giorno
e, dischiusasi, prende vigore l’aura generatrice di favonio,
prima di tutto gli uccelli dell’aria te, o dea, e il tuo
ingresso segnalano, risvegliàti nei cuori dalla tua forza.
Quindi fiere le greggi balzano attraverso i pascoli rigogliosi
e attraversano a nuoto i fiumi vorticosi: a tal punto, colto dalla bellezza,
ciascuno ti segue con desiderio dove ti accingi a condurlo.
Infine per mari e monti e fiumi impetuosi
e frondose case di uccelli e campagne verdeggianti
in tutti infondendo nei petti un dolce amore
fai sì che con desiderio, genere per genere, propaghino le specie.
E poiché tu sola governi la natura delle cose
né senza te alle luminose sponde della luce alcunché
sorge né si produce alcunché di lieto né di amabile,
desidero che tu sia collaboratrice per scrivere i versi
che io sulla natura delle cose tento di comporre
per il nostro Memmiade, che tu, o dea, in ogni occasione
hai voluto si distinguesse dotato di tutte le qualità.
Per cui a maggior ragione da’, o divina, eterna bellezza alle parole.

Marte e Venere, Museo archeologico nazionale di Napoli, (inv. nr. 9248). Da Pompei, Casa delle Nozze di Ercole (o Casa di Marte e Venere). Marte solleva il manto azzurro di Venere, per ammirarne la nudità caratterizzata solo da una catena d’oro disposta ad X. Caratteristica è la rappresentazione dei due sessi che prevede una carnagione bruna per l’uomo e chiara e delicata per la donna. Wikimedia


Fai in modo che frattanto i feroci effetti della milizia
per i mari e le terre tutte riposino assopiti.
Infatti tu sola puoi con la tranquilla pace aiutare
i mortali, poiché i feroci effetti della guerra Marte
signore delle armi gestisce, lui che spesso nel tuo grembo si
getta sconfitto dall’eterna ferita di amore,
e così guardando in alto con il tenero collo ripiegato
soddisfa gli sguardi avidi di amore stando a bocca aperta verso di te, dea,
e dal tuo volto non si stacca il respiro di lui che giace.
Tu, o dea, col tuo corpo santo sopra di lui che giace
stando abbracciata, soavi parole dalla bocca
effondi chiedendo per i Romani, o divina, una pace serena.
Infatti né noi in questo momento turbolento della patria
possiamo vivere con animo sereno né la gloriosa discendenza di Memmio
in tali situazioni (può) mancare al bene comune.

Romanzo di GM Buffa. Leyla Lilith in azione (non adatto ai minori), tenetevi forte (2)

Lilith, demone di origine mesopotamica (penetrata nelle scritture ebraiche dopo la cattività babilonese al tempo di Nabucodonosor II), è rappresentatissima

Ecco l’inizio del romanzo (un fumettone, il modello inarrivabile essendo Il conte di Montecristo). Inizialmente avevo pensato di fare dei titoletti in latino per tutto il testo, fino alla fine. Poi ho lasciato perdere. Questa prima parte aveva il titoletto Sed libera nos a malo, molto appropriato a mio parere. Il post precedente spiega molte cose. Cominciamo, però.

Enjoy.

La mossa del cavallo (nome provvisorio)
1° volume della trilogia LE TRE FACCE DELLA MEDAGLIA

ψ

Roma, Parco degli Acquedotti, 5 maggio 2018. 21:30

Erano già le 9 e mezzo di sera. Le arcate dell’acquedotto Claudio battute dal tempo si ergevano a monito dell’umana arroganza. Il tempo era freddo e nuvoloso nonostante la stagione e due adolescenti, diciotto anni lui e quindici lei, si scaldavano al fuoco della passione giovanile. Due ore prima erano partiti in moto dalla Porta Capena, a sud-est del Circo Massimo, e stretti l’uno all’altro avevano percorso lentamente un bel tratto della Regina viarum, l’Appia antica, lungo la quale scorrevano gli alberi secolari della campagna romana e i pochi sarcofagi non trasferiti nei musei i cui abitatori, i volti consunti dai millenni, sembravano interrogarsi sul destino del mondo. In lontananza, placide stelle vaganti in mezzo alla tempesta in arrivo, le luci degli aerei in atterraggio e decollo dall’aeroporto di Ciampino.

La coppia s’era attardata dietro a un cespuglio sotto una delle arcate dell’acquedotto eretto dall’imperatore che aveva conquistato la Britannia. Il Parco degli Acquedotti galleggiava nel silenzio interrotto a tratti solo dal rimbombo dei tuoni lontani e dal mormorio delle fronde degli alberi. Le comunità del Quadraro dell’Appio e del Tuscolano assieme a quelle dei ricchi e famosi attorno all’Appia Antica erano intente ai riti della famiglia, dell’amicizia e delle cene romane, festose e interminabili. Il cane della ragazza, un pastore belga dal pelo lungo e nero, guaiva leggermente.
– Ti prego Giuliano, no, non sono pronta …
– Dai Simona, non sarai mica una sfigata come Francesca e Sara!

Il giovane, un noto bellimbusto del Quadraro, lo si vedeva sempre a cavallo d’una Ducati d’epoca dalle cromature scintillanti. Capelli castani e occhi azzurri, amava sostare a largo Spartaco, di fronte a un bar molto frequentato dai giovani. Dedito al piccolo spaccio oltre che all’arte antica di sedurre donne d’ogni età e condizione stringeva la quindicenne con la mano sinistra mentre con la destra le sfilava le mutandine. Simona, seno giunonico e corpo snello, era una delle ragazze più carine della scuola i cui cancelli si trovavano a fianco del bar frequentato da Giuliano. Aveva occhi neri grandi e capelli altrettanto neri. I genitori s’erano opposti in tutti i modi al legame tra lei e Giuliano ma la cotta di Simona era troppo forte e i due avevano continuato a vedersi di nascosto.
– No, Giuliano, non lo fare amore, ti prego …”.
I due corpi si congiunsero e le due anime, vorace l’una, smarrita nell’amore l’altra, persero ogni cognizione del tempo.

Adamo protegge un bambino da Lilith, che nella tradizione mesopotamica è dedita alla lussuria ed è rapitrice di bambini. Affresco di Filippino Lippi, basilica di Santa Maria Novella, Firenze

ψ

Tutto avvenne con troppa rapidità. Nemmeno il cane s’accorse di nulla.

ψ


Il corpo splendente della danzatrice era scosso da fremiti leggeri. Capelli neri come la pece le cadevano sulle spalle in una massa folta intessuta di treccine sottili. Il viso ovale era dominato da occhi allungati d’un celeste pallido la cui espressione era così inquietante da incutere timore su chiunque avesse a che fare con lei, primi tra tutti i suoi subalterni che con termine arcaico la chiamavano Domna. Nuda, tranne che per un sottilissimo tanga blu notte, aveva gambe forti perfettamente modellate che finivano con piedi squisiti, elastici e addestrati. Le dita dei piedi oltre che delle mani, smaltate dello stesso colore del tanga, possedevano una vita propria, quasi tentacoli d’un polipo maligno che danzavano sul corpo nudo del diciottenne la cui bocca era stata meticolosamente sigillata utilizzando prima tamponi d’una sostanza sintetica interposti tra le gengive e le labbra, quindi un nastro isolante decorato da geroglifici misteriosi. Danzavano, i piedi, tormentando gli orifizi rimasti aperti nel viso del giovane i cui occhi, spalancati e increduli, esprimevano orrore.

La donna si girò alla sua sinistra e danzò allo stesso modo sul corpo egualmente nudo della ragazza, scossa dai singhiozzi e con il volto inondato dalle lacrime. I giovani erano legati a gambe divaricate su di un immenso letto di quattro metri per lato. Sdraiati di fianco capo a piedi rispetto alla loro tormentatrice avevano la testa girata e immobilizzata all’altezza dei piedi della donna e le gambe, fissate una al soffitto e l’altra al letto, erano all’altezza del suo capo corvino.

Il letto, quasi trono solenne e di quercia intagliata, era collocato al centro d’una vasta stanza la quale, come il letto, dava il senso della ricchezza. Stoffe divani quadri inspiegabili oltre che oggetti d’ogni epoca e paese si trovavano dappertutto ed erano disposti con un notevole senso estetico. Al soffitto quattro grandi lampadari di Murano completavano l’arredamento. Il lusso barocco della stanza però non comunicava il senso della vita quanto piuttosto una tetraggine resa ancor più tale dal fatto che il locale era assai umido.

Faust e Lilith, di Richard Westall (1831). Faust si prepara a ballare con la giovane strega al festival dei Maghi e delle Streghe nelle montagne di Hartz


Leyla Lilith distesa sul letto in mezzo ai due giovani disponeva d’uno spazio sufficiente da permetterle di piroettare e danzare a piacimento. Una danza fredda lucida e crudele che la portò per un numero lungo di minuti a disporre in modo efferato delle parti intime del giovane che emetteva urla soffocate. La quindicenne, con la bocca sigillata allo stesso modo, non resse alla tortura del suo innamorato e si diede a grida sorde e a scene inconsulte. La danzatrice allora si girò e la colpì a piedi uniti e con forza inaudita all’inguine. La giovane, sia pure attraverso il bavaglio, prese a ululare ed ecco che Leyla, con libidine calcolata, prese a baciarle e a mordicchiarle i seni opulenti mentre in tutta comodità, servendosi delle unghie affilate, era intenta a lacerarla in più parti del corpo. Quando i lamenti di Simona si affievolirono un poco – la poveretta stava infatti per svenire – Leyla la risvegliò con una boccetta di effluvi acri quindi la colpì una seconda volta all’inguine e passò di nuovo ad occuparsi di Giuliano. Alla fine, stanca delle persistenti reazioni della giovane, sempre a piedi uniti la colpì alla testa. La ragazza dopo aver emesso un breve rantolo s’accasciò. La donna agile come un gatto fece allora una giravolta e proiettandosi in aria cadde con eleganza in piedi sul pavimento. Poi a un cenno della sua mano comparvero …

Constantinopolis, maius AVC MCCLXIII
(Costantinopoli, maggio, 510 d. C.)


… due uomini e una donna vestiti del colore della notte.
– Devo assentarmi, purtroppo. Sapete quel che dovete fare – disse con un sorriso terribile.
– E del cane che ne facciamo?
– Deve seguire la stessa sorte della coppia.

Quindi abbandonò il luogo dalle volte immense e imboccata una stretta scala che solo lei conosceva giunse in lussuosi appartamenti dove tre schiavi e tre schiave con timorosa soggezione l’accolsero, la svestirono e a testa bassa la condussero in un vasto bagno al cui centro una grande vasca di marmo policromo emetteva vapori profumati. Là la lavarono con spugne del Mare Eritreo e aromi di Siria, poi la massaggiarono e infine la profumarono dolcemente. Truccata e poi rivestita, un bel velo di seta blu sul capo e una stola egualmente blu tempestata d’ametiste e stretta alla vita da una cintura con perle nere, Leyla Lilith uscì dal bagno e percorso un vasto corridoio entrò in un immenso salone. S’assise su di una poltrona sopraelevata e lì attese per un po’. L’uomo venne alla fine annunciato.

– Sei in ritardo, Zenas – disse guardandolo con disprezzo.
– La strada era lunga.

C’era paura nella sua voce. Si schiarì la gola:

– Sono dovuto andare in Italia o mia Domna e di lì in Britannia oltre l’Oceano e poi tornare qui. Non sono cose che si fanno da un giorno all’altro.
– Lo sai cosa succede a chi non mi serve bene …

Zenas rabbrividì. Tra le cicatrici che ne deturpavano il viso traluceva lo sguardo spietato del cacciatore di uomini. Un grande mantello scuro con un largo cappuccio tirato giù sopra le spalle gli avvolgeva il corpo tarchiato.
– Ora dimmi cosa sai.
– Stanno per arrivare. Uno è già lì in Britannia e i suoi amici lo vogliono ritrovare e forse riportare in Italia. Le mie fonti sono sicure.
– Bene. Bisogna fare in modo che si perdano giù nell’Ade o nell’Inferno dei Cristiani. E per quello che è già in Britannia colui che è sopra di me ha un piano speciale. Prendi gli uomini e le risorse che ti servono. Il denaro non è un problema. Se fallisci mi occuperò di te personalmente.

L’uomo ebbe un sussulto ma si dominò. Emise dei suoni rauchi:
– Sarà fatto, o mia Domna.

Quindi lasciò in fretta la grande sala.

– Non c’è un momento da perdere – disse tra sé e sé. – So chi reclutare.

Ancora scosso dallo sguardo di Domna quando un servo gli si avvicinò per dirgli che i cavalli erano pronti Zenas lo colpì senza un motivo. Il suo sguardo era carico d’odio e di paura. Aveva bisogno di qualcuno con cui sfogarsi.

– Quei maledetti in Britannia pagheranno per tutto quello che devo sopportare – si disse con rancore. E lasciò che il servo lo guidasse alle stalle.

Ψ

Leyla Lilith Domna tornò nei suoi appartamenti dove si fece rivestire per il freddo della notte. La stagione era insolitamente gelida, nuvolosa. Accompagnata da tre robusti aurighi forniti di torce uscì per le strade di Costantinopoli, la capitale dell’Impero Romano d’Oriente. Le vie erano meno frequentate, a quell’ora, ma la metropoli non dormiva mai. Il cielo minaccioso era screziato dai fulmini. Percorse i portici colonnati della Mese, la via principale della città, e guardò con disprezzo misto a gioia i mendicanti che appestavano l’aria e le madri che vendevano i figli ai lenoni. Procedette in direzione dell’acropoli, dove era il teatro. Là, Teodora di dieci anni nonché le sorelle più grandi, Comitò e Anastasia, s’accingevano a intrattenere gli spettatori.

[continua]


Puntate pubblicate qui finora:

0. Post di introduzione al romanzo ‘Le tre facce della medaglia’

1. Romanzo. Città maschili e femminili

2. Romanzo. Il demone Lilith in azione. non adatto ai minori

3. Entra in scena il commissario Alvaro Manneschi

4. Continua l’indagine del commissario. Viene introdotta Alba, sua moglie

Romanzo di GM Buffa. “Ci sono città maschili e città femminili, e Roma è femminile, è donna” (1)

Alcune informazioni sul romanzo (brainstorming). La documentazione è stata una bella sfida. Come dicevo qui a Marina Caserta, scrittrice e blogger, “la documentazione la trovo fondamentale anch’io. Il mio compito è complicato dal fatto che ambiento il mio romanzo almeno in tre epoche diverse:

1) l’epoca dei Flavi, 69-96 d.C.
2) il 510 d.C. in Britannia, un po’ a Roma e ad Augusta Taurinorum (Torino).
3) Oggi, a Roma, nei rioni dove abito. “

Ora, nel primo volume della trilogia (id est, Le tre facce della medaglia) ho sviluppato solo le epoche 2) e 3). Vediamo.

Il 510 d.C. e poco oltre, innanzitutto. Epoca interessantissima, “quando il mondo antico – cito dal romanzo – si disgregò in un evento catastrofico unico, con la peste bubbonica diffusasi ai tempi di Giustiniano e Teodora, con la Piccola Glaciazione della tarda antichità che creò siccità nelle steppe e spinse gli Unni sui Goti e i Goti sui Romani. A ciò s’aggiungerà, a breve, l’arrivo dell’Islam nel Mediterraneo, con questi ed altri elementi di distruzione-innovazione”.

Religione e filosofia intrecciati in quest’epoca d’angoscia (curioso come la filosofia antica, pagana ovv., nasce tra i Greci venata di religione, poi se ne distacca verso un razionalismo ateo o quasi, vedi Epicuro, per poi, in detta epoca e prima, ritingersi potentemente di religione). Neopitagorismo e neoplatonismo intrecciati (vedi dopo). Reincarnazione (alla base del romanzo). I filosofi teologi di allora che mischiano e rilucidano tutto l’armamentario pagano (Pitagora, Platone, Aristotele, gli Stoici ecc.) per resistere al Cristianesimo che sta per trionfare (e nel 510 d.C. ha bell’e che trionfato anche se ci sono sacche di resistenza).

Ho sempre pensato che per ricreare descrivere il mondo antico bisogna inserirci elementi della mentalità di allora, tra cui la religione aveva una grande parte. Per esempio, e a mio modestissimo parere, gli storici spesso spiegano (quindi non spiegano) il perché un certo esercito non abbia attaccato sia pur in un momento o da una posizione favorevole, il nemico, con una mentalità ‘scientifica’ potremmo dire che non ha niente a che vedere con le motivazioni di allora. Giulio Cesare, l’esempio forse più fulgido della razionalità romana (a cui gli ebrei romani, che lui beneficiò, ancora portano corone ai piedi della sua statua di bronzo, a via dei Fori Imperiali), ha fatto a volte delle cose molto ma molto incaute, folli, addirittura. Perché? Era un idiota? Beh, non direi, credeva semplicemente di essere baciato dalla dea Fortuna, e non come diciamo noi ma in senso letterale. Un esempio tra i tanti.

Anima umana, eroi, demoni angeli dei Dio (la gerarchia delle potenze o essenze) ecc. Ovviamente religione significa far intervenire, nella trama, anche l’elemento ‘oltre l’uomo’, (e l’uomo stesso, con la sua anima, partecipa a una scintilla del divino) e il Male, oltre al Bene, il Male efferato, assoluto. Mi sono dovuto sorbire, con fatica ma più spesso con grande grande piacere, i vari Plutarco, Porfirio, Giamblico, Proclo, gli Stoici (Aristotele poco, a parte il d’Aquino che lo riprende) e ciò che resta dei pitagorici, Pitagora, come Socrate, non avendo purtroppo scritto nulla.

Interessante come la filosofia cristiana segua a ruota, da Agostino in poi, i neoplatonici (per poi nel Medioevo fermarsi su Aristotele). Mi sono rifatto anche al molto, dicevo, successivo Tommaso d’Aquino (1225 – 1274 d.C.) e a come lui vede i demoni cattivi (ci sono i daimon buoni, ovv.) nella sua Summa Theologica (che qui trovate in originale, latino abb. facile) e che preferibilmente ho letto nella versione modernizzata, e stupenda, di Walter Farrel O.P. e Martin J. Healy, Il Vangelo della felicità, ed. Paoline.

[Giorgio: “Sei un topo di biblioteca, sempre col naso lì”. Giovanni: “E vabbè, ‘sti cavoli”]

Oggi, 2010 e poi 2018. Parlerò di quest’epoca dopo. Riporto solo qui, e concludo, un brano più o meno a metà del romanzo in cui Lilith, un demone femminile (la prima moglie d’Adamo, ripudiata, Gen. 1:27, vedi mio commento giù, sezione commenti), passeggia per la Roma di oggi (sì, le essenze oltre l’uomo, come gli Dei e Dio, sono atemporali, e la cosa mi è piaciuta molto. Qui c’è un pizzico della visione di Tommaso D’Aquino, un grande).

TESTO DEL ROMANZO (quasi alla fine)

“Sfilano i volti di Roma nella notte, volti di uomini, donne e bambini. Sono volti antichi e moderni, ingenui e cinici, tosti bonari innocui (e funesti?). Quando si pensa a Roma (scriveva Goethe) “vecchia di duemila anni e oltre, riflettendo che è lo stesso suolo, lo stesso colle e spesso perfino le stesse colonne e mura – e nel popolo si vedono tracce dell’antico carattere – ci si sente compenetrati dei grandi decreti del destino”.
Il destino, coi volti mobilissimi delle donne romane che ne portano traccia. Perché le donne a Roma sono importanti, molto importanti. Federico Fellini diceva che ci sono città maschili e città femminili, e Roma è femminile, è donna.
E parlando di donne, donne antiche (quelle che qui interessano), pensiamo non solo alle madri alle nonne o alle ragazze accoppiate o meno ma anche alle prostitute che tanto piacevano al regista riminese, quelle della Passeggiata Archeologica, per esempio, a ridosso delle Terme di Caracalla (via Antoniniana e viale Guido Baccelli, per intenderci).

Immagine di Brenkee, Pixabay

Ψ

Tra queste donne di strada, o lupae, come dicevano i nostri antenati, ce n’è una stanotte che apparentemente stanca cammina lungo il viale su indicato. I ruderi di Caracalla sono illuminati e nella notte senza luna gli umori della città salgono alle stelle. Il volto della donna è il più antico di tutti perché essa è senza tempo e il vestito nero sdrucito e la borsa che ciondola e quasi struscia sul marciapiede non ne migliorano certo l’aspetto. Capelli neri come la pece le cadono sulle spalle in una massa folta intessuta di treccine sottili e il viso, ovale, è dominato da occhi allungati d’un celeste pallido che, se non fosse per il buio che li cela, apparirebbero per quello che sono, terribili.

La prostituta vede una moto con due ragazzi biondicci e si gira dall’altra parte.
– Ahó, ma l’hai vista quella? – dice il primo alla guida –. Sembra da buttar via ma guarda che corpo …
– Magari puzza però – dice il secondo.
– Cerchiamo almeno di vederla in faccia.
I due s’avvicinano, avranno appena vent’anni. Il primo dice:
– A mora, facce vedé er viso. Quanto vuoi? Ce l’hai la macchina?
Lei giratasi un poco, il volto sempre celato, con voce insostenibile li ghiaccia:
– FILATE! SCIO’! – come fossero pulcini (o insetti) –. Stasera non batto, prendo il fresco della notte.
I due allora, falene impazzite, schizzano via a zig zag e per un soffio mancano il tronco d’un pino ad ombrello.


Ψ

Leyla Lilith Domna è colma di disprezzo quando i due esseri, che giudica infimi, scompaiono nella notte. Poi volge lo sguardo in direzione dei colli Celio, Monti ed Esquilino [rioni dove nell’oggi si svolge il romanzo, ndr]. Uno sguardo carico d’odio, di rancore. Infine anche lei, come d’incanto, un incanto tetro, scompare nel nulla”.

[continua]


Puntate pubblicate finora:

0. Post di introduzione al romanzo ‘Le tre facce della medaglia’

1. Romanzo. Città maschili e femminili

2. Romanzo. Il demone Lilith in azione. non adatto ai minori

3. Entra in scena il commissario Alvaro Manneschi

4. Continua l’indagine del commissario. Viene introdotta Alba, sua moglie

I know, lo so …

Giorgio is a horse, of course, of course.

I know, lo so 🙄😉, sono stato parecchio assente ma in realtà non ho mai scritto tanto, molto più di quanto non abbia mai scritto su questo blog.

ψ

Sono stato a scrivere il mio romanzo, una trilogia dal nome Le tre facce della medaglia, di cui il primo volume (La mossa del cavallo, nome provvisorio) è terminato.

Nei prossimi giorni pubblicherò qui alcuni brani di questo lavoro, che scrivo da 12 anni (Giorgio: ‘Non sei esagerato?’), da quando cioè cominciai l’altro (e a me carissimo) blog Man of Roma, ora chiuso.

ψ

Non che questo The Notebook non mi sia caro, però.

A bientôt 😜

I giovani sono il presente (2)

Primavera di Praga 1968

A mo’ di appunti, visto che questo blog è un taccuino, riporto un mio commento al post precedente sui giovani che non sono il futuro ma il presente. “Volevo semplicemente dire, in questo post – ho scritto pochi minuti fa -, che il presente è stato sempre fatto in larga misura dai giovani, cioè dall’entusiasmo di ragazzi che hanno cambiato o cercato di cambiare le cose anche a prescindere dall’outcome, dal risultato finale:

ψ

– la 15nne Greta Thunberg e la sua popolarissima lotta contro il climate change
– il 1968 dei boomers che fu un fenomeno mondiale
– le primavere arabe
– il movimento adesso a Praga (per non parlare della precedente primavera di Praga sempre nel 1968, vedi foro sopra) per chiedere le dimissioni del premier Babis
– la protesta di piazza Tienanmen dal 15 aprile al 4 giugno 1989
– i giovani arabi che reagiscono al fanatismo religioso e pian piano si stanno secolarizzando (dati recentissimi, vedi link sotto)
– Istanbul strappata a Erdogan (che parte ne hanno avuto i giovani colpiti dalla crisi economica turca? Che succederà a Trump? Come voteranno i giovani americani? E da noi? Il nostro Truce Trump Salvinus, che risultati avrà di fronte a un’economia che sbanda e ai populisti che cominciano a prendere botte ovunque?)

ψ

Ricordo che a scuola insegnavo come l’epoca, a fine 1700, delle rivoluzioni illuministe (rivoluzioni americana e francese) e della rivoluzione industriale in Inghilterra, fossero state preparate da una precedente rivoluzione agricola che aveva ringiovanito la popolazione e che questi ragazzi, nel bene o nel male, avevano spinto fortemente per cambiare le cose.

Gli esempi potrebbero essere tantissimi.


https://www.repubblica.it/esteri/2019/05/06/news/iperconnessi_disoccupati_studi_della_religione_lo_dice_l_arab_youth_survey_2019-225562929/

Cfr. i post di questo blog “I giovani e la vita 1 e 2” che affrontano il tema da una prospettiva opposta e contraria.

‘Speranza’. Brano musicale dedicato a Piero Boitani

Ecco un pezzo musicale che chiamai Speranza e che scrissi sempre negli anni ’90. Lo dedico al mio carissimo amico Piero Boitani. Praticamente coetanei Boitani ed io abbiamo preso strade diverse nella vita (lui diventando un luminare mondiale di miti e letterature e io … lo leggete qui) e ora, vuoi la tarda età vuoi i ricordi della prima gioventù, ci stiamo un poco riavvicinando malgrado i pesanti impegni di entrambi e le forze che scemano.

Sono stato a casa sua in Sabina per un weekend inimmaginabile fatto di libri (ne ha a tonnellate) e di conversazioni stimolanti tra una spaghettata e l’altra.

Ha letto alcune pagine del racconto / romanzo che scrivo e alcune sue laconiche lodi – mentre scriveva recensioni, rispondeva alle e-mail, comprava altri libri su Amazon (e condiva la pasta) – mi hanno messo il turbo nell’ultimo mese.

Il brano musicale completo (dal caos all’armonia, dal dolore alla speranza) è composto da due parti (A-A1) che sono uguali ma orchestrate diversamente. A me piace più l’A1, che metto subito. Poi metto tutto il pezzo A-A1. I tapes purtroppo sono vecchi e usurati 😞

Mandai i nastri in giro per il mondo e furono apprezzati solo in Australia, chissà perché, e un poco in Francia. Gli italiani li giudicarono troppo ‘tedeschi’. E vabbè.

Enjoy.

ψ

Speranza (seconda parte)
Speranza (brano completo: qui il caos si sente di più ma la prima parte la trovo noiosa)

Bacco a Wenzhou

Chinese dishes (fair use)

Alcuni giorni fa (sett. 2007; orig. inglese) il gruppo d’amici ha deciso per una cena cinese a casa nostra. Ci piace la cucina cinese, non tanto per la novità quanto per la qualità che sta migliorando mentre il prezzo continua ad essere molto basso (consiglio e commento del più giovane del gruppo). Mi reco dunque in un ristorante cinese non lontano da casa, in fondo a via Cavour, a due passi da via dei Fori Imperiali, e ordino una cena take-away per otto. Non ero mai entrato in quel ristorante e wow, non so come, sono rimasto affascinato sia dal luogo che dalle persone che vi lavoravano.

Nel ristorante, elegante quanto basta, ho notato subito la professionalità, il lavoro duro e il dinamismo regnante, ognuno impegnandosi in maniera seria e scrupolosa. Credo si trattasse di un intero clan familiare perché sembravano tutti parenti e tutte le età vi erano rappresentate: adolescenti di sesso maschile che servivano ai tavoli; donne di mezza età che organizzavano un po’ tutto facendo calcoli e attaccando con gli spilli dei piccoli foglietti al muro; ragazze graziose, anch’esse al servizio dei tavoli, con i vestiti tradizionali di seta impreziositi da bei motivi colorati; un uomo di mezza età, credo il marito di una delle donne degli spilli, il viso autorevole e serio, probabilmente il capo del gruppo; infine la signora più anziana, i capelli bianchi, la nonna certamente, che stava alla cassa e lavorava davvero alla grande nonostante l’età, attentissima a tutto quello che le accadeva intorno mentre, con solennità e vigore, batteva sui tasti della cassa i prezzi dei clienti.

Le ho fatto un sorriso e lei ha risposto con un altro sorriso. I romani, nonostante siano dei bonaccioni, trovano difficoltà a capire questa gente chiusa e riservata che però, quando si sente considerata non aliena bensì umana, si apre con una certa disponibilità. Le dico che avevo qualche conoscenza in Cina, ho chiesto di quale città fossero, che cinese parlassero e se la loro lingua fosse simile al cantonese o al mandarino. Risponde che la loro lingua non ha niente a che vedere né con l’uno né con l’altro, è qualcosa di completamente diverso.

Il modo in cui l’ha detto m’ha fatto capire che le piaceva rispondermi, anche se non era palese (ma io l’ho percepito lo stesso).

Ha detto che erano tutti di Wenzhou, città – ho controllato dopo – della provincia sud-orientale di Zhejiang, “sul delta del Ou Jiang, con edifici e dintorni pittoreschi. Il porto (…) molto attivo nel secolo 19° (esportazione di tè), fu usato successivamente solo per la pesca” (La Piccola Treccani). Di qui l’emigrazione all’estero di una parte di questa gente attiva che “gode di reputazione imprenditoriale e fa nascere ristoranti, negozi al dettaglio e all’ingrosso nei paesi d’adozione” (Wikipedia inglese).

Il nome Wenzhou, tremendo, lo ricordo solo perché il tizio che penso fosse il capo si è avvicinato ed è stato ben lieto di scrivermelo su un foglio, e mi ha chiesto se fossi un vero romano, e io gli ho risposto sì, sono un vero romano, e dopo poco ho come avvertito che tutti percepivano, d’un tratto, l’interesse che avevo per loro. Una cosa strana, lo so, ma è stato proprio così. Si sono come improvvisamente accorti (saranno stati una ventina e la sala era abbastanza grande) che ero sympathetic, che vi era cioè una qualche sintonia emotiva.

Mifu’s Chinese calligraphy. Public domain

La cosa era strana anche per me. Forse qualcuno avrà ascoltato da lontano la conversazione tra me e i due personaggi, rapidi bisbigli cinesi si saranno propagati rendendo improvvisamente tutti impercettibilmente attenti, impercettibilmente benevoli, mentre due ragazzi mi pregavano di tanto in tanto di sedermi mentre aspettavo (finché alla fine accettai) e mi offrivano in omaggio un liquore, una specie di bomba (di cui ho bevuto tre bicchierini). Ho avvertito questa quasi impercettibile attenzione, queste, non so come dire, vibrazioni (vibes) di disponibilità circolanti, malgrado loro non mostrassero quasi nulla.

I cinesi, apparentemente delicati, sono forti come l’acciaio, sono intelligenti ed evidentemente – così almeno ho concluso da quel giorno – telepatici, mentre qui la gente li considera un popolo muro, qualcosa di indecifrabile e con la faccia di marmo (più divertente di faccia di bronzo, poiché uso l’espressione con i miei studenti IT cinesi, io sfotto loro, loro sfottono me). Insomma, ho sentito nettamente che tutti all’improvviso provavano sincera simpatia per questo alieno (anche noi siamo infatti alieni per loro, e ci vedono tutti uguali 😱 ).

E’ stata una così bella serata, la mia fantasia volava in alto – non senza qualche responsabilità della nitro-glicerina che m’ero bevuto – e una brezza fresca venendo chissà da dove sembrava che i quadri alle pareti oscillassero confusamente (assieme ai visi attorno che mi sorridevano).

E’ stato allora che ho sentito la presenza del dio e la vista mi s’è appannata …

Dionysus, Louvre (© Marie-Lan Nguyen / Wikimedia Commons / CC-BY 2.5)

A casa la cena cinese è stata un successo. Durata per ore, come solo le cene romane possono durare, coi piatti cinesi arricchiti da vivande nostrali e il tutto annaffiato non dalla bomba, questa volta (i contatti con gli dei vanno presi con cautela), ma da un toscano Galestro ghiacciato, veramente niente male. Non avevo portato infatti con me il liquore cinese, un normale liquore in realtà, ma a me il liquore cinese fa quest’effetto, che ve devo di’.

Confesso però che devo alla sberla cinese un breve, intenso incontro con Bacco-Dioniso, figlio di Semele e di Giove, avvenuto sia all’interno d’un ristorante della lontana Wenzhou, sia poco dopo all’aria fresca del venticello romano, più o meno in mezzo all’antica Suburra.

Mentre nel ristorante la testa mi girava e la vista s’indeboliva, ricordo vagamente che mi fu consegnata con delicatezza la cena take-away.

Attimi dopo me ne tornavo a casa in motorino, serpeggiando serpeggiando come un uccello impazzito (e felice), l’aria fresca pungente della sera sulla faccia.

Roma, l’eterna scostumata, magnifica, imperiale, sorrideva tutt’intorno.

Colosseo. Fair use

Saw Bacchus in Wenzhou

Chinese dishes (fair use)

A few days ago (sept 2007, traduzione italiana) our bunch of friends decided to have a Chinese dinner at our home. Everyone loves Chinese cooking. This food is of course not a novelty any more even here, but since while getting better it keeps being incredibly cheap, we still eat it a lot and like it (a lot.)

Advised by the youngest of us all I therefore went to this Chinese restaurant close by, located at the end of Via Cavour, not far from Via dei Fori Imperiali. I ordered a take-away meal for 8. I had never been there before. Wow was I surprised by the place and by the people!

The restaurant was elegant enough. I admired the professionalism, dynamism and hard working style that reigned in the place, everybody being so serious and dedicated.

A big family clan, I believe, with all ages being present: male teenagers serving tables; middle-aged women organising, calculating, pinning small sheets of purple paper to the wall; young sweet-looking women serving too, clad in traditional silk dresses with fine motifs on them; a man who I think was the husband of one of the older women and apparently the boss; the eldest woman finally, white-haired, the grandmother definitely, who worked hard at the counter despite her age, so incredibly attentive to all that happened and typing the bills on the counter keys with solemn vigour.

I smiled at her and she smiled back. Romans are good-natured but they have some difficulty in understanding such closed-up and reserved people who nonetheless, when they feel one doesn’t perceive them as aliens, quickly respond. I told her I had a few friends from China and asked her what town they came from, what type of Chinese language they spoke, whether their language was Cantonese- or Mandarin-related. She said that their speech was related to none of them, that it was an entirely different language. The way she said it revealed she enjoyed answering to me even though it was not apparent (although I felt it clearly.)

She then said they all came from Wenzhou, which (I later learned) is a town in the south-eastern Zhejiang province residing “on the Ou Jiang delta, with picturesque buildings and surroundings. The port (…) very active in the 19th century (tea export) was later used for fishing only” (La Piccola Treccani). Thence the emigration to foreign countries of large portions of these active people with “a reputation for being an enterprising folk who starts restaurants, retail and wholesale businesses in their adopted countries.”

Wenzhou. Such a difficult word I remember only because the guy got close – the one I thought to be the boss – and was so pleased to write it down for me, and he asked me if I was a real Roman, and I said yes, I am a real Roman, and after a while I realised ALL of them suddenly knew this Roman had an interest in them. They sort of suddenly knew I was sympathetic.

Mifu’s Chinese calligraphy. Public domain

Someone probably overhearing the said conversation and exchanging quick Chinese whispers they all were immediately aware of everything getting immediately hidden-attentive, hidden-agreeable, while two young men prayed me several times to please sit down while waiting for my package (till I finally accepted) and offered me for free this unbelievable Chinese H-bomb liquor (of which I drank three shots.)

I felt this quasi imperceptible attention, these good vibes in the air despite their not showing it much. Chinese people are delicate, steel-strong, intelligent and – I must gather – telepathic, while most of the people here consider them a totally indecipherable marble-faced folk – funnier than stone-faced, it being a joke I have with some Hong Kong IT students: I tease them, they tease me back.

Oh such a lovely lovely evening it was! My fantasy was flying high, this nitro-glycerine booze being not totally guiltless.

And then – like a sudden cool breeze coming from nowhere … I looking at the paintings around … looking at the smiling faces around – I clearly felt like the presence of a God as my sight began to blur …

Dionysus, Louvre (© Marie-Lan Nguyen / Wikimedia Commons / CC-BY 2.5)

At home our Chinese dinner was a success. It went on and on as only Roman dinners can go (for hours,) mixing both Chinese and Italian dishes washed down with an icy Italian white this time though, a tuscan Galestro not at all bad.

I didn’t bring any of the Chinese H-bomb though (meeting Gods too often can be a problem beyond a doubt.) I in fact know I owe that stuff a brief, intense encounter with Bacchus-Dionysus (son of Semele and Jupiter) in that Wenzhou restaurant and in the cool open air outside, a place right at the border of the ancient Roman Subura.

While actually my sight slightly blurred within the restaurant I remember I was gently given my take-away meal.

Moments later I was driving back home with my motorbike, winding and winding like a crazy birdie, fresh crisp air on my ecstatic face.

Rome, the eternal loose woman, imperial, magnificent, was smiling all around.

Colosseum. Fair use

Do Music and Numbers Pervade the Universe? A Night of Dionysian Revelry

Pitagora, la musica armoniosa (e Dioniso, la musica folle, disordinata). E poi, la musica pervade l’universo, come volevano i Pitagorici? Kosmos e Caos, fuori e dentro di noi?

Il testo è in inglese e appartiene al vecchio blog del Man of Roma. Forse verrà tradotto. Dedico questo reblogging a Kikkakonekka, matematico e logico. Per vedere i filmati e sentire le musiche (una personale, frutto di una notte dionisiaca) bisogna cliccare sul post originale. Enjoy.

The Notebook

As you know I have been musing on Pythagoras of Samos recently (Ὁ Πυθαγόρας ὁ Σάμιος). I wrote about him in my blog and in other blogs.

P was a great mathematician. Now it turns almost all bloggers MoR has been discussing with (also on P) have some math capabilities. MoR has instead very little. So he asked his friend Extropian for help.

Extropian is laconic and doesn’t like blogs. So he first sent this movie and just said: “This stuff is Pythagorean.”

He then added: “Here following is the rationale behind the movie.”

He also sent me this paper on Pythagoras & Eugene Wigner that requires a degree in physics to figure out what the hell it means.

Finally he linked to another movie and declared:

“You became a pianist but you’ll always be longing for the strings of a guitar, of a violin or of a lute…

View original post 377 more words

Amore, please, non odio. Un brano romantico per mia moglie (5)

Dopo la vittoria del Truce (che potrebbe però fare la fine di Renzi, stamo a tifa’ qui pe’ questo) mi consolo con un pezzo romantico poiché l’amore, non l’odio, devono prevalere. Il brano lo suonai con in mente lei, poi glielo dedicai e per un periodo fu la nostra colonna sonora sentimentale. Si tratta di un’improvvisazione, con tutti i limiti che ciò comporta. In post-produzione la velocità fu aumentata del 15 % e qualche piccola nota venne aggiunta. L’influenza è classica con Keith Jarret che fa capolino qua e là, credo.
Enjoy.

Love for R

Le cose buone. Quelle cattive. E quelle indifferenti

Ecco come NON bisognerebbe comportarsi di fronte alla paura o al dolore (mummia di Cudzco, credits * a fondo pagina)

Giorgio: “Te lo leggo negli occhi. Adesso hai di nuovo voglia di spararle sui tempi che furono”. Giovanni: “Chi lo sa. In effetti qualcosa mi sarebbe venuta in mente, per cui, dopo la mamma stoica, la curva a U della felicità, il piacere la gioia e il dolore (ma la vera gioia è austera) e altri post sullo stoicismo (la filosofia che andava per la maggiore presso gli antichi Romani – e oggi tra gli Americani e gli Inglesi: leggete qui e soprattutto qui) mi va in effetti di spararle ancora. Si vedrà 🙂

Un’etica semplice (ma tosta)

Zenone di Cizio (336 a.C. – 263 a.C.), il fondatore dello stoicismo, aveva
in fondo un’etica molto semplice, che ci può aiutare nella vita di ogni giorno.

Ci sono, diceva (nota 1), delle cose che sono beni, altre che sono mali e poi ci sono le cose indifferenti. I beni sono la saggezza, la temperanza, la giustizia e il coraggio. I mali il loro contrario, cioè la sventatezza, l’intemperanza, l’ingiustizia e la codardia. Infine ci sono le cose indifferenti, che sono la vita e la morte, il piacere e il dolore, la ricchezza e la povertà, la fama o l’oscurità, la malattia o la salute.

Giorgio: “Hai ragione, è una filosofia etica semplice, ma ad applicarla ci vogliono uomini fortissimi, non uomini normali”.

Vangelo sterile?

Giovanni: “In effetti non è facile seguire un insegnamento del genere. Dopo secoli di grande successo lo stoicismo finì per apparire un vangelo sterile alle masse, poiché troppo arduo. Zenone, Catone l’Uticense, Marco Aurelio o Epitteto in fondo erano dei superuomini che non toccavano le corde intime dei poveretti cenciosi e malati che chiedevano l’elemosina, degli schiavi o delle donne costrette a prostituirsi per sfamare i loro bambini. Ecco allora che la gente comune del mondo antico – che era diversissimo da come ce lo immaginiamo, con povertà inimmaginabile oggi (pure nei paesi poverissimi), con igiene pessima e malattie, pestilenze e invasioni di popoli dalla Germania e dall’Asia centrale -, ecco allora che questa gente comune, dicevo, si rifugiò in quelle religioni e nel Cristianesimo, soprattutto, che offrivano perlomeno consolazione e una speranza in una felicità ultraterrena”.

Filosofia feconda, nonostante tutto

Giovanni: “Però io credo che oggi, stranamente, lo stoicismo sia fecondo, anche perché non conflitta con nessuna religione esistente, se uno ce l’ha. Lo dimostra il successo che ha in tutto il mondo. Paradossalmente, gli stoici
oggi sono molto ma molto più numerosi di quelli ai tempi di Seneca, di Marco Aurelio e di Epitteto. Questo pomeriggio, per fare un esempio, ho avuto una piccola delusione che mi ha procurato dolore. E allora ho pensato: il dolore è “un indifferente” e mi sono sentito meglio. Preferibile per me dell’affidarsi a Qualcuno. Del resto, lo dice anche il proverbio: aiutati che Dio ti aiuta”.

ψ

Giorgio: 😱

Giovanni: 😱

—–

Nota 1. Cfr. Stoicorum Vetera Fragmenta. Zenone di Cizio. Edizione Hans von Arnim. Frammento 190, riportato nell’edizione Rusconi, Stoici antichi – Tutti i frammenti, 1998, p. 91.

* Immagine (link) tratta dalla Wikimedia Commons. Museo di storia naturale (Florence) – Anthropology and Ethnography section – Peru

Musica delle stelle (4)

Quarto post sulle mie musiche dedicato a Claudio Capriolo e al Maestro di coro Roberto Montuori. Come già scritto nei commenti ai post musicali precedenti, questo pezzo fu finalmente da me “venduto”. Venduto è un parolone, poiché in realtà non mi fruttò mezza lira però fu già tanto, tantissimo direi, che venne accettato per accompagnare una serata di Piero Angela e Paco Lanciani “Sotto le stelle”, nella cornice splendida d’un parco nel sud del Lazio che, ricco d’alberi verzura e laghetti (forse, sono ricordi dei primi anni ‘90), aveva anche un grande recinto popolato da struzzi.

Per lo spettacolo era stato innalzato un palco di fronte a un grande prato dove tutti ce ne stavamo sdraiati a testa in su, e di sopra al palco c’era un enorme schermo dove venivano proiettate stelle e galassie in movimento. Angela (non il figlio) e Lanciani illustravano le meraviglie del cosmo e quattro amplificatori enormi sparavano la mia musica per la notte stellata.

Ora il caso, o la dea Fortuna, vollero che la mia musica (il cui stile è tipico di quegli anni), ogni tanto esplodesse, come sentirete. Avvenne allora che gli struzzi si impaurirono e fuggirono per la campagna, e di loro non si seppe più nulla. Probabilmente abbattuti, erano finiti sui barbecue dei vari casolari e ville. Fu una tragedia.

Lo so, sembra una panzana, ma non lo è. Tutto si verificò esattamente come l’ho descritto. Solo che allora non mi accorsi di nulla. Sdraiato com’ero accanto a mia moglie a godermi il mio piccolo successo sentii forse dei rumori, non so esattamente, ma non potevo certo collegarli agli struzzi anche perché non sapevo nemmeno che c’erano, quei bestioni (a volte un po’ cattivi), in quel parco.

Otto anni dopo, mentre mi trovavo in Tunisia per conto del Ministero degli Esteri, Cooperazione allo sviluppo, a progettare un collegamento informatico dei porti di quel bellissimo paese avvolto in quegli anni però nella cupa dittatura di Ben Alì, un altro cooperante, un architetto nipote del principe proprietario del parco, mi disse, ridendo sgangheratamente, che era colpa sua poiché, dopo aver portato da mangiare agli animali, s’era dimenticato di chiudere i cancelli.

Pare che il principe, dopo il disastro, esclamasse (forse con la erre moscia):

“Ma dove sono andati quegli animali, cavo, con quei bei coscioni …!!

ψ

Mah, colpa sua, colpa mia, ci bevo sopra un bicchiere, e buon weekend a tutti. Enjoy.

Nightpiece. Piano, tappeto d’archi e contrabbasso (3)

Terzo post sulle mie musiche dedicato a Claudio Capriolo nonché al Maestro di coro Roberto Montuori. Un brano degli inizi degli anni ’90, improvvisato di notte, quando tutti dormivano, nel mio studio allora completamente insonorizzato.

Il piano e il tappeto d’archi vengono dal mio sintetizzatore Korg 01/W, che stupidamente vendetti anni dopo. Anche il contrabbasso elettronico, che però ho aggiunto dopo, sempre quella notte, viene da lì. Quanto al suono di piano di questo bel Korg 01/W – un piano diverso da quello dei due brani precedenti, soprattutto dal primo (frutto di 5-6 suoni di piano fusi assieme 😱) – mi piacciono di più i suoi suoni gravi e quelli alti, molto meno quelli intermedi. Ma questo passava il convento quella sera, e quindi mi devo accontentare.

Il convento disgraziatamente passava anche il mio mixer (il miscelatore in cui tutti i suoni confluiscono prima di uscire sulle casse e/o essere registrati), che a comprarlo oggi sarebbe costato 800 euro circa. Per registrare delle musiche di una qualità di suono professionale ci vogliono mixer da diverse decine di migliaia di euro.

Un mixer serio. Tutte le immagini che pubblico senza credits sono di Pixabay, un sito di free pictures

Altro pezzo contemporaneo. Piano e batteria (2)

Secondo post sulle mie musiche dedicato a Claudio Capriolo nonché al Maestro di coro Roberto Montuori. Mi ricordo delle belle cene a casa nostra, avremo avuto sui 35-40 anni, che tempi meravigliosi! C’erano Stefano e poi Serafino, detto l’Extropian per le sue simpatie per l’estropianesimo, che erano due miei compagni di scuola. Poi naturalmente mia moglie ed io.

A volte partecipavano anche altre persone, tra cui Giorgio. Si parlava di tutto e la musica – avevo da poco acquistato un eccellente impianto stereo – era la protagonista. Visto che Johann Sebastian Bach, il mio preferito, non piaceva a Stefano, ascoltavamo molto Sibelius, Chopin e Keith Jarret (il Concerto di Colonia!). Cantavamo e suonavamo anche parecchio.

Delle mie musiche a Serafino piacque soprattutto questa, che propongo qui, per pianoforte e batteria. Anche questo secondo pezzo ha un sapore un poco ‘contemporaneo‘. Le prossime musiche saranno invece più ‘classiche‘, qualche volta ‘leggere‘ e jazz. L’improvvisazione (purtroppo) giocherà sempre un suo ruolo.