Man of Roma

Traduzione in italiano

I am a man of Rome, Italy. Some of my ancestors, many centuries ago, were already citizens of Rome. So I guess I am a real Roman, or sort of, since some barbaric blood must unquestionably flow in my veins, Germanic probably and Gallic from the Alpine region.

My mother tongue is Italian, not very different from the Latin spoken by the common people at the times of the late Roman Empire.

The reason I am attempting to communicate in this Northern language – which I do not master entirely and which, though a bit chilly to my heart, I find not entirely deprived of charm – is that variety excites me like a drug and I am tired of talking mostly to my countrymen, this lingua franca, English, allowing me hopefully a wider exchange of ideas.

Why this blog

 

One reason, I have said, is wider communication.

But what can a Roman of today say to the world? Such a big statement (if there weren’t the Web to make it not entirely such.)

I think it is a great privilege to be born and to be raised here, such a special place, to the extent that something must have penetrated, something distinctive and worthy of being transmitted – in order to be able, in our turn, to receive.

I hope for comments from Western and non-Western people, since Rome and the Romans have a mediation nature that comes from the Mediterranean.

Rome in some way is more Mediterranean than European.

However, as she was already universal during the ancient Roman days, she has continued to be universal as a religious centre, like Mecca or Jerusalem, which makes Rome something way beyond Europe (*).

ψ

Religion will not be a central topic here (there excepting ancient religions, of course) since, greatly respecting all faiths I personally have none, being an agnostic.

I like to think that I am similar to those Romans of the past who counted mostly on knowledge and reason (the followers of Epicure, Ἐπίκουρος – one among many possible ancient examples.)

 

Three Reasons for Uniqueness

 

Ages have passed since this great city was the capital of the known world, this role now being played by New York, London or Shanghai, perhaps.

Rome is though unique in the first place because “among all the greatest cities of the ancient world – Nineveh, Babylon, Alexandria, Tyre, Athens, Carthage, Antiochia – she is the only one that has continued to exist without any interruption, never reduced to a semi-abandoned village but rather finding herself often in the middle of world events and, equally often, paying for that a price (**).”

Secondly, and more importantly, Rome is the city of the soul (as Byron, Goethe and Victor Hugo put it,) of our authentic Western soul, since Europe and the West were shaped here and these roots are sacred – to me surely, and I think and hope to most of us.

These roots we have to rediscover in order to better open up to others in a new spirit of humanitas and conciliation (two chief components of the everlasting Roman mind.)

We all here in the West must encourage a totally new attitude which may enable us to better face both our present crisis of values and the radical changes looming ahead which might cause our swift decline.

Lastly, Rome, the eternal city, is unique because she is also one of the most beautiful cities in the world, if not the most beautiful.

Beyond her imperial testimonies, her stupendous urban spaces and squares, even small piazzas and alleys radiate that “sacred aura” which comes from the millennia and to which ever increasing multitudes from every land come to pay their tribute.

The capital of our beloved and civilised French cousins, Lutetia Parisiorum (it’s how the Romans called Paris, after the Parisii, a tribe of the Gallic Senones,) was not but a village until the year 1000 AD. “1700 years younger than Rome! It shows, one can feel it (***).”

Fragments Sent in a Bottle

 

Scattered fragments of this special identity inserted in a bottle and sent across the Web: this shall be the activity of this blog.

The conveyor of the message is not so important in relation to the greatness of the source and to one ingredient this conveyor might, willingly or unwillingly, possess: he perhaps being like a fossil from a distant past which is dead though, astoundingly enough, alive yet in so many Italians.

Let us admit it. In some central and especially southern areas of this country, minds and habits survive that may puzzle foreigners, historical remnants whose disadvantages towards modernity appear evident. Are they only disadvantages?

All Things Considered

This and other topics will be discussed here by a 60-year-old Roman (2014: 66) whose knowledge can be located at a medium level, with interfaces towards the upper and the lower layers of knowledge.

He will try his best to transmit something useful to others (and to himself) having been an ancient-history & literature educator for 16 years, then converted to Systems Engineering & Training for the last 14 years.

He hopes this blog will allow him to brush up humanities back, which is daunting at his age (not to mention the crazy idea of blogging in English, Italian and bits of other languages.)

ψ

If not profundity of knowledge, he might though have an advantage (still to be proved) over many foreign commentators even born in one of the  ex-provinces of the ancient Roman Empire.

The plus of being a witness from right here.

The advantage of being a Man of Roma.

 

(H)omo de Roma

Colosseum 2007-full viewGUT
Traduzione di un originale in inglese del 2007 (1) pubblicato nel post successivo a questo con i 106 commenti (credits dell’immagine)

Sono romano, nato e vissuto a Roma. Alcuni dei miei antenati materni, fino a qualche secolo fa, erano già romani. Dovrei quindi essere un romano vero, o quasi, anche se dosi di sangue “barbarico” mi scorrono certamente nelle vene, sangue germanico, forse, ma soprattutto gallo-ligure della regione alpina occidentale.

La mia lingua materna è l’italiano parlato a Roma, idioma non troppo diverso dal latino parlato dalla gente comune ai tempi del tardo Impero Romano [il titolo del post è infatti sia latino tardo che romanesco, ndr].

Il motivo per cui mi sforzo di comunicare in inglese – lingua nordica non materna che mi fa un po’ freddo al cuore ma che trovo ricca e fascinosa – è la varietà che mi eccita come una droga e un po’ la stanchezza di comunicare solo con i connazionali, per cui la lingua franca del mondo spero possa aprirmi a un più vasto scambio di idee.

Perché questo blog

collosseumccwiki4

Un motivo, come ho detto, è la più ampia comunicazione. Ma come può un romano di oggi “parlare al mondo”?

[che frase pomposa, se non ci fosse il Web a renderla meno tale]

Sono convinto che sia un privilegio essere nati e cresciuti quaggiù, un posto talmente straordinario che qualcosa deve esser “passato”, qualcosa di distintivo e che valga la pena di trasmettere, per poter, a nostra volta, ricevere.

Spero dunque in un dialogo con occidentali e non occidentali, perché Roma e i Romani, nonostante i difetti (tanti), hanno una natura universale e mediatrice che proviene dal Mediterraneo.

Roma per certi aspetti è più mediterranea che europea.

Ciononostante, già universale all’epoca degli antichi Romani, essa ha continuato ad esserlo come centro religioso, come La Mecca o Gerusalemme.

Roma, dunque, va ben oltre l’Europa (2).

ψ

La religione non sarà un argomento centrale (a parte le religioni antiche), perché pur nutrendo un rispetto profondo per ogni fede personalmente non ne ho alcuna, essendo agnostico.

Mi piace, quasi in un gioco, immaginarmi simile a quei Romani del passato che contavano principalmente sulla ragione e sulla conoscenza (gli stoici e i seguaci di Epicuro, Ἐπίκουρος, per esempio).

Tre ragioni di un’unicità

colosseo-zoomgut1

Ere sono ormai trascorse da quando questa grande città era la capitale del mondo conosciuto, tale ruolo essendo oggi passato a Londra, New York e un domani Shanghai, chi lo sa.

1. Roma è però unica in primo luogo perché “fra tutte le più grandi città del mondo antico – Ninive, Babilonia, Alessandria, Tiro, Atene, Cartagine, Antiochia – è la sola che abbia continuato ininterrottamente ad esistere, mai ridotta a villaggio semi abbandonato, anzi, trovandosi spesso al centro di avvenimenti di portata mondiale e pagandone altrettanto spesso il prezzo (3)”.

2. In secondo luogo, il che è ancora più importante, Roma è la città dell’anima (così l’hanno sentita Byron, Goethe e Victor Hugo), è la città della nostra autentica anima occidentale, poiché l’Europa e l’Occidente sono stati plasmati qui (non nelle nebbie germaniche) e queste radici sono sacre – per me certamente, e credo e spero per la gran parte di tutti noi.

Tali radici andrebbero riscoperte per poterci aprire agli altri con nuovo spirito di humanitas e conciliazione (due componenti essenziali dello spirito romano eterno).

Dobbiamo insomma, noi dell’Occidente, incoraggiare atteggiamenti nuovi [e non beceri, ndr], che ci permettano di affrontare meglio sia l’attuale crisi di valori sia i cambiamenti radicali che incombono [miliardi di persone in rapidissimo sviluppo in Estremo Oriente ecc. ndr] e che potrebbero causare il nostro rapido declino.

3. Infine Roma, la città eterna, è unica anche perché è una delle più belle città del mondo, se non la più bella.

Al di là delle testimonianze imperiali, dei grandi spazi urbani e piazze, meravigliosi, certo, anche vicoli e piazzette emanano quell’ “aura sacra” che proviene dai millenni e a cui la gente di tutto il mondo porge in misura crescente il suo tributo.

La capitale dei nostri amati e civilizzati cugini francesi, Lutetia Parisiorum (così i Romani chiamavano Parigi, dai Parisii, tribù dei Galli Senoni) non era che un villaggio fino all’anno 1000 dopo Cristo. “Millesettecento anni meno di Roma. Si sentono, e si vedono” (3).

Frammenti in bottiglia

pantheon-inreriottimizzgnu

Frammenti sparsi di un’identità speciale inseriti in una bottiglia e lanciati nel mare del Web: questa l’attività del blog Man of Roma.

Il latore del messaggio conta poco rispetto alla grandezza della sorgente e di un ingrediente che lo stesso latore potrebbe, volente nolente, possedere: l’esser cioè una sorta di fossile di un passato che certo è morto ma è anche enigmaticamente vivo in molti di noi italiani.

Ammettiamolo. In aree centrali e soprattutto meridionali del nostro paese persistono abitudini, mentalità (e altri aspetti della cultura) che lasciano perplessi non pochi stranieri: residui storici i cui svantaggi nei confronti della modernità sono evidenti.

Sono solo svantaggi?

In conclusione

Questo e tanti altri temi verranno discussi da un romano quasi 60enne [70enne, oggi, ndr] le cui conoscenze si collocano a un livello intermedio, con interfacce verso gli strati superiori e quelli inferiori della cultura.

Egli spera di trasmettere qualcosa di utile agli altri (e a sé stesso) avendo insegnato per 16 anni Storia antica e Letteratura nelle scuole superiori per poi, negli ultimi 14 anni, rivolgersi all’ingegneria dei Sistemi informatici e alla formazione aziendale.

Egli si augura che un Weblog (o blog) lo aiuti a rispolverare gli interessi umanistici, il che desta affanno con gli impegni e gli anni che avanzano (per non parlare della follia del doppio blog, in inglese e in italiano).

ψ

Se non la profondità della conoscenza egli potrebbe tuttavia godere di un plus (da dimostrare) nei confronti di commentatori stranieri sia pur cresciuti in aree un tempo province dell’Impero Romano.

Il plus del testimone di quaggiù.

Il vantaggio di esser “(H)omo de Roma”.

lupaottimigut1SfondoChiaro

___
Note
(1) Il blog Man of Roma / A quirky research on Roman-ness durò 7 anni, ora è chiuso ed ebbe un discreto successo e moltissimi accessi (quasi 700.000). Se aveva, che so, 4 mila pagine di articoli, ricevette molto più di 15.000 pagine di commenti (tra cui i miei). Farò un conteggio esatto.

Il primo post in inglese, dal titolo Man of Roma, tradotto qui sopra in Italiano, ricevette 106 commenti (devo riuscire a importarli tutti: fatto -qualche giorno dopo) molti dei quali lunghi quasi quanto il post stesso.

Il blog The Notebook, un taccuino, ha mire assai più modeste, in parte simili ma in gran parte diverse.

(2) Franco Ferrarotti, sociologo, Corriere della Sera, 2 Aprile 2006;
Franco Ferrarotti, intervista apparsa nel quotidiano romano Il Messaggero nel nov. 2005.

(3) Corrado Augias, I Segreti di Roma, Mondadori 2005, p. 13.